Davide Terraneo
No Comments

Derby, la medicina per le difese milanesi

La stracittadina non finiva a reti inviolate dal lontano 2004. Colpa di attacchi poco concreti e centrocampisti senza qualità o personalità. E' Mexes l'unico bomber in campo

Derby, la medicina per le difese milanesi
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Trovata la nuova cura per il reparto difensivo di Inter e Milan: giocare il derby. E’ questa la soluzione che i due allenatori hanno trovato per evitare che le critiche sui loro sistemi di protezione dei portieri. Basta trovare un attacco sterile e privo di idee. Semplice ma geniale.

BALUARDI DIFENSIVI – Se Inzaghi volesse vedere il bicchiere mezzo pieno (ma quando mai non lo ha fatto?), dovrebbe partire dal fatto che il Milan è finalmente riuscito a tenere la porta inviolata, come è accaduto soltanto due volte in questo 2015, contro Chievo e Cesena. La prima e la quarta nella graduatoria del peggior attacco di Serie A, tanto per intenderci. Numeri simili a quelli dei nerazzurri, che prima di ieri sera avevano regalato ad Handanovic la soddisfazione di non dover raccogliere la palla in fondo al sacco soltanto in tre uscite da gennaio a questa parte. Nella notte di San Siro i vari Ranocchia, Vidic e Juan Jesus sono sembrati esperti strateghi dei movimenti per difendere la porta dagli assalti dei nemici. Peccato che non sia andata proprio così.

Philippe Mexes, roccioso difensore del Milan, è l'emblema del derby di ieri sera

Philippe Mexes, roccioso difensore del Milan, è l’emblema del derby di ieri sera

CERCASI QUALITA’ – L’impressione che il derby non avrebbe visto protagonisti giocatori di altissima qualità era stata confermata dalle formazioni. Da una parte Gnoukouri e Medel garantiscono quantità ma non certo invenzioni di alta classe, dall’altra gli operai Poli e De Jong corrono tanto ma non sembrano in grado di tirare fuori il cappello dal cilindro. Il Kovacic versione pulcino bagnato gettato in un combattimento clandestino e l’Hernanes arrugginito, uniti ad un Bonaventura generoso ma poco incisivo hanno fatto il resto. A questo derby mancava qualità. E se la stracittadina non vedeva uno 0-0 dal lontano 2004, la possibilità che con queste rose la sfida a reti bianche diventi una costante è concreta. Anche perché negli ultimi sei scontri diretti solo 2 volte si è segnato più di un gol. In entrambi i casi è finita 1-1. Effetti collaterali di una crisi tecnica che sta investendo il capoluogo lombardo.

MEXES, UNICO BOMBER – Non è un caso se l’unico giocatore in grado di infilare la palla in rete in un’azione non viziata da fuori gioco sia stato Mexes. E la porta era quella sbagliata. Il francese non è certo un novellino, e quando viene chiamato in causa per partite nervose e mascoline come il derby si sente a casa. Quando fiuta il profumo dei polpacci delle punte avversarie da gustare a suon di tacchetti si carica. A volte anche troppo, e Mauri lo sa. Ma se l’unico in grado di battere Diego Lopez è stato lui un motivo ci sarà. Su un pallone innocuo, senza pressioni, per giunta. Il gol è stato annullato e le polemiche non cambieranno risultato e forma di un derby. Né restituiranno alla Milano calcistica i giocatori in grado di costruire un muro davanti alla porta. Pensate a come si sarebbero trovati Icardi e Menez di fronte a Thiago Silva e Nesta o Samuel e Lucio. Lo 0-0 sarebbe stato inciso a fuoco sul tabellone. Ma per (s)fortuna erano altri tempi. Erano altri derby.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *