Connect with us

Basket

Playoff Nba: i Raptors a lezione dal ‘vecchio’ Pierce

Pubblicato

|

Che amarezza per "The Truth" Paul Pierce!

Se questo è l’inizio, possiamo restare sul divano a goderci tutto il resto della post-season. La prima gara dei Playoff termina all’Overtime, vinta dai Wizards di uno strepitoso Paul Pierce, che dimostra di poter fare ancora la differenza anche in gare ostiche. E ostico, come avversario, era Toronto. I Raptors pagano alcuni errori di coach Casey nei primi quarti e gli ospiti allungano; ma nell’ultimo periodo i canadesi si risvegliano e concludono una rimonta pazzesca con la tripla di Vasquez. Nel supplementare però gli uomini di Wittman la chiudono, con Paul Pierce che detta la legge del più forte.

DIAVOLO DI UN PIERCE – Il quintetto di casa parte bene con Ross subito a canestro, seguito da Hansbrough che mette entrambi i liberi. +4 Raptors, vantaggio che si porterà fino al termine del primo quarto, con Washington che accorcia sul -1 (14-13) grazie a Bradley Beal, ma Patterson trova la bomba che ristabilisce le distanze (23-19) a 28” dalla sirena. Nel finale Wall stoppa Lowry per quello che sarebbe valso il canestro del +6. Gli uomini di Wittman reagiscono e nel secondo periodo passano a comandare, con un Pierce monumentale: l’Air Canada Centre di certo non lo applaude, ma il 37enne di Oakland prende in mano i Wizards rispondendo al +7 dei Raptors firmato Patterson e Amir Johnson. Tripla a 6’16” che vale il -4, Gortat timbra il -2, Wall il pari sul 38, prima del sorpasso e della tripla del +5 ad opera ovviamente di Paul. Primo tempo che si chiude sul 42-46, con alcune scelte discutibili di coach Casey, che tiene in panca per diverso tempo Valanciunas addirittura fuori dalle rotazioni James Johnson.

Wall e Lowry deludono in Gara-1

Wall e Lowry deludono in Gara-1

VASQUEZ, TRIPLA DA OVERTIME. MA I RAPTORS SI ARRENDONO – Al rientro sul parquet Pierce riprende da dove aveva lasciato, firmando il +6. Layup Nenê per il 50-42 Wizards, prima della timida reazione dei canadesi con Valanciunas e DeRozan, che a nulla serve dopo il canestro di Gortat e un’altra tripla di “The Truth” per il +9. Wall tocca anche il +11, Amir Johnson rimedia per Toronto, chiudendo sul 56-65 il terzo periodo. Washington prova a chiudere i conti con Beal e Seraphin in avvio d’ultimo quarto, Gooden sigla il +15 e si permette di stoppare Valanciunas. Ma i Raptors si svegliano improvvisamente e tentano una clamorosa rimonta guidata da DeRozan: 6 punti per lui, che sommati ai canestri di Vasquez, Seraphin e Williams vuol dire -4 con 4’18” ancora da giocare. Beal e Wall allungano nuovamente, Amir per il -3, prima del boato dell’Air Canada Centre alla tripla di Vasquez, che shakera le spalle come il miglior Shaq: 82-82 e Overtime! Subito Pierce da 3 nel supplementare, Nenê e Porter siglano il +7 a 36” dalla sirena. E’ l’ipoteca sulla vittoria: 93-86 e serie sull’1-0 per Washington.

TABELLINO:

TORONTO: A. Johnson 18, DeRozan 15, Patterson 10, Vasquez 10, Williams 10. Rimbalzi: DeRozan 11. Assist: DeRozan
WASHINGTON: Pierce 20, Beal 16, Nenê 12, Wall 10, Seraphin 10. Rimbalzi: Nenê 13, Gooden 10. Assist: Wall 8.

LE PAGELLE – Per quanto riguard Toronto, prestazione al di sotto delle aspettative per Lowry (5,5) e Valanciunas (5,5), con il solo DeRozan (6) a provare a tenere in piedi la baracca, senza però riuscire a pieno nell’obiettivo: tira con un 6/20, non può bastare contro i Wizards di Pierce. Bene Amir Johnson (6,5), non delude Williams (6,5), protagonista di un’ottima Regular Season, bravo questa sera a trovare due triple in momenti caldi della partita. Sufficienza anche per Patterson (6), un voto in più per Vazquez (7), bravo a mandare la gara all’OT con la tripla dell’82-82. Passando ai Wizards, Paul Pierce (8) migliore in campo sicuramente, vero trascinatore a 37 anni suonati (7/10 al tiro). L’Air Canada lo provoca, lui risponde sul parquet. Doppia doppia per Nenê (7), importanti al rimbalzo anche Gooden (7) e Gortat (6,5). Non eccezionale Wall (6), assente ingiustificato. Beal (7) sfiora la doppia doppia, Porter 6.

@PepLandi

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending