Matteo Masum
No Comments

Perché Tevez è più forte di Higuain

Due fuoriclasse assoluti, due campioni fantastici. Il bianconero sembra avere qualcosa in più

Perché Tevez è più forte di Higuain
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Gonzalo Higuain, stella del Napoli targato Benitez: per noi è meglio Tevez

Gonzalo Higuain, stella del Napoli targato Benitez: per noi è meglio Tevez

I due campioni della Serie A, i due calciatori più ambiti dai fantallenatori, i due fuoriclasse assoluti che stanno trascinando le loro squadre verso traguardi prestigiosi. Da una parte Carlitos Tevez, il leader maximo della super Juventus di quest’anno, dall’altra Gonzalo Higuain, bomber implacabile di un Napoli a due velocità. Sfida combattutissima, ma, per chi scrive, l’Apache ha qualcosa in più rispetto al Pipita. Proviamo a spiegarne i motivi.

GIOCATORE COMPLETO – Entrambi sono fuoriclasse a tutto tondo. Non solo micidiali in area di rigore, ma efficaci anche lontani dalla porta. Tuttavia, Tevez appare, dal punto di vista dell’universalità, un giocatore spaziale. Segna a ripetizione, in Italia ed in Europa, serve assist deliziosi, recupera palloni in quantità industriale, insegue gli avversari ed effettua un pressing asfissiante. Difficile trovare, in Italia, un giocatore di questo livello. Questa è stata probabilmente la miglior stagione di Tevez; oggi lo possiamo tranquillamente annoverare tra i primi 10/15 fuoriclasse al mondo.

LA CONTINUITÀ- Un’altra caratteristica che consente, a giudizio di chi scrive, a Tevez di essere considerato migliore di Higuain, è la continuità. Chiariamo, il Pipita è un giocatore fantastico in tutto l’arco della stagione, tuttavia tende, a volte, a concedersi delle pause. L’Apache, al contrario, è sempre sul pezzo in ogni gara, ed anche quando non riesce a trovare l’acuto, dà comunque il suo contributo. Come i grandissimi.

L’IMPATTO- Higuain ha portato molto al Napoli, soprattutto sul piano della personalità. Va però ricordato che l’argentino è stato preso per sostituire Cavani, uno che spallava le porte senza distinzioni di sesso, razza o età. Da questa prospettiva, il Pipita ha fatto bene, ma al massimo ha ripetuto quanto offerto dal Matador, e poco altro. Tevez, invece, ha trovato una Juventus forte ma non fortissima, e con la sua classe l’ha trasformata in una squadra in grado di giocarsi le proprie carte con le Big d’Europa. Un miglioramento notevole.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *