Antonio Casu
No Comments

E se fosse ancora Porto-Monaco?

Calcio e romanticismo, corsi e ricorsi storici: la finale di Champions League potrebbe essere un sorprendente revival

E se fosse ancora Porto-Monaco?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il calcio è il terreno ideale dei sognatori e non esiste niente di più romantico di una finale europea tra due outsiders. Se poi le squadre danno vita ad un incredibile revival, corsi e ricorsi storici scrivono una pagina da consegnare agli annali. Porto e Monaco potrebbero riuscire nell’impresa, chi l’avrebbe mai pensato? Nessuno, se non qualche pazzo. Al momento l’ipotesi è remota, lontanissima dalla realtà, ma sognare non costa niente. L’unica condizione necessaria è dimenticarsi per un attimo di essere italiani e non pensare alle esigenze del ranking Uefa. Porto e Monaco nel 2015 come Porto e Monaco nel 2004. Lopetegui come Mourinho, Jardim come Deschamps, due piazze senza esigenze da big europea come due piccoli Davide capaci di stravolgere le gerarchie. Il calcio è anche imprevedibilità, ed è bello per questo.

@antoniocasu_

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *