Connect with us

Calcio Estero

Il Bordeaux e la legge del “Chaban-Delmas”: battuto anche l’OM

Pubblicato

|

Finale di stagione sempre più emozionante quello che ci sta riservando la Ligue 1, ieri sera il Marsiglia di Bielsa non è riuscito a passare sul campo del Bordeaux abbandonando forse definitivamente il sogno di puntare al titolo. Psg e Lione infatti, con una gara in meno, hanno rispettivamente quattro e cinque punti di vantaggio, distacco che con poche giornate da giocare sembra quasi incolmabile. Anzi, adesso l’ OM deve ben guardarsi dietro perché dopo aver subito il sorpasso dal Monaco rischia anche quello di St. Etienne e Bordeaux, due squadre che non perdono in campionato da diverse settimane e puntano al terzo posto. Ieri sera è bastata una rete di Yamberè al Bordeaux per togliere dai giochi il Marsiglia, che ha giocato bene e costruito diverse occasioni ma un po’ per sfortuna, un po’ per la poca precisione sotto porta non è riuscita a segnare nemmeno un gol ed ha perso la partita. Ma vogliamo concentrarci di più sulla squadra allenata da Willy Sagnol, che con la vittoria di ieri si è tolta una doppia soddisfazione.

PRIMATO BORDEAUX – Il club attualmente sesto in campionato può vantarsi di aver battuto in stagione in casa il Paris Saint German (3-2) e il Marsiglia (1-0), impresa non da poco considerato che è stato l’unico a riuscirci finora. E non è tutto perché a volerla dire tutta anche Monaco (4-1) e St. Etienne (1-0) sono cadute al “Chaban-Delmas”, vero e proprio fortino per les girondins. In casa infatti hanno collezionato 34 punti sui 54 totali, meglio hanno fatto solamente OM, OL e PSG ma con questo ritmo non è escluso che possa tentare il sorpasso. Sorpasso possibile, ai fini del raggiungimento del terzo posto che vale l’accesso ai preliminari di Champions, anche nella classifica generale poiché calendario alla mano Plasil e compagni avranno tre trasferte di cui due impegnative (Lille e Lione alla penultima) e tre gare in casa contro Metz, Nantes e Montpellier in cui bisognerà per forza fare nove punti. Arrivati a questo punto della stagione è sicuro che nessuno regalerà niente, le rivali non molleranno e bisognerà tirar fuori il meglio per raggiungere uno straordinario obiettivo. Pensando comunque che già uno, prestigioso, è già stato raggiunto.

Roberto Cusimano

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending