Connect with us

Football

Napoli, il fioretto di Mazzarri se arriva il tricolore. Ma gli azzurri sono da scudetto?

Pubblicato

|

NAPOLI, 23 LUGLIO – Magari non sarà apprezzato come quelli della Ferilli e della Falchi, che in onore agli scudetti della Lazio nel 200o e della Roma nel 2001 promisero uno spogliarello. Ma comunque un voto è sempre un voto.  E quello garantito da Walter Mazzarri ai microfoni delle più importanti emittenti giornalistiche fa venire l’acquolina in bocca ai tifosi napoletani. Queste le parole del tecnico livornese: “Si, lo ammetto. Se arriva quella cosa li ( lo scudetto, ndr), smetto di fumare!” … Per uno che in quanto al consumo di sigarette non ha nulla da togliere ad un turco, è una dichiarazione molto impegnativa. Ciò fa ben capire quanto sarebbe bella per il pubblico partenopeo la vittoria del tricolore, ed inoltre chiarisce quanto l’ambiente azzurro creda nell’impresa. Oramai il Napoli è da tempo una realtà del nostro campionato e la recente vittoria in Coppa Italia ha fatto venire l’appetito al club di De Laurentis.

IL NAPOLI E’ PRONTO Che il Napoli meriti lo scudetto è fuori da ogni dubbio. Lo merita per la passione che sa trasmettere, per il gioco che esprime, per essere diventato una grande in poco tempo e per la strategia economico-societaria che permette un bilancio sempreverde. Ma la domanda che tanti si pongono è: il Napoli può seriamente vincerlo il campionato? Beh, questo sarà la prossima stagione a dircelo, ma di una cosa possiamo essere certi: il Napoli può seriamente lottare per accaparrarselo. I motivi sono molteplici. Innanzitutto è una squadra rodata, che ha assimilato in pieno gli schemi del mister ed è costituita da una spina dorsale di 6-7 giocatori che giocano insieme oramai da tanto. Un altro motivo è che il Napoli ha una rosa molto giovane ma allo stesso tempo esperta che quindi è destinata a crescere. Ancora, ha un allenatore che riesce ad estrapolare il meglio da qualsiasi ragazzo gli passi davanti. Ha inoltre aggiunto alla rosa due ragazzi di spessore ben noto come Behrami e Gamberini, ed un giovanotto che promette tanto bene, Insigne. Ma oltre a tutti questi ingredienti, l’arma in più del Napoli 2012 – 2013 potrebbe essere un’altra.

Il club partenopeo la prossima stagione potrà concentrarsi solo sul campionato. Non è un mistero, infatti, che l’ anno passato il Napoli sia stato penalizzato, in termini di rendimento psico-fisico, dalla Champions. Ora invece tutte le energie saranno rivolte alla Serie A, seppur con un occhio all’Europa League. Insomma, gli azzurri potrebbero ripercorrere un pò le orme della Juve di Conte, libera da impegni e vittoriosa in campionato.

LAVEZZI VIA? NO PROBLEM Ciò detto, restano certamente dei contro all’analisi di un Napoli scudettato. Su tutti, la partenza di Lavezzi, giocatore formidabile ed insostituibile. Starà a Mazzarri cacciare il coniglio dal cappello, magari con un cambiamento di modulo, per non farne sentire l’assenza. Un altro dubbio è legato al mancato arrivo di top player. E’ vero che il Napoli è una grande ma , Cavani a parte, non ci sono giocatori di un altro pianeta. E ciò è da sottolineare, perchè per vincere i campioni servono Nonostante ciò, le parole di Mazzarri in conferenza stampa sono rassicuranti. Ha dichiarato che si trova in un ambiente ideale per lavorare e alla domanda sull’eventuale arrivo di un altro attaccante , ha detto: ” Numericamente siamo a posto. Dato per scontato che torna Cavani, se Vargas e Insigne sono validi per il nostro progetto, è inutile prenderne un altro, altrimenti si fa confusione. Due vanno in panchina, il terzo andrebbe in tribuna“. Walter, dunque è contento cosi ed è pronto a puntare il titolo. L’importante è che dopo rispetti il fioretto e smetta di fumare …

Antonio Fioretto

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending