Connect with us

Arte&Cultura

Matisse arabesca ancora a Roma

Pubblicato

|

matisse-ita
Matisse Arabesque ingresso mostra

Matisse Arabesque ingresso mostra

Matisse Arabesque  è la felice titolazione della mostra in essere fino al prossimo 21 giugno alle Scuderie del Quirinale di Roma, con un fitto calendario anche di eventi (ingresso libero) a corollario quali il prossimo 22 aprile “arabeschi selvaggi” con Francesco Antonioni a spiegare la delicata dicotomia tra struttura ed arabesco attraverso cui leggere la musica ed ancora il 29 aprile con Sergio Trombetta per “Matisse e la danza” partendo dall’opera La Danse (1909) fino alla produzione degli ultimi anni, passando per la cruciale esperienza in seno ai Ballets Russes per Le Chant du Rossignol di Stravinskij-Massine (1920). Del resto Matisse è l’artista che più di ogni altro nel Novecento ha saputo catturare e rendere la magia del corpo in movimento.

LA MOSTRA – Sono 90 i pezzi da novanta di Matisse e , gioco di parole a parte, sono davvero riuniti tutti i capolavori provenienti dai più importanti musei americani ed europei, tra cui il Museo Puskin di Mosca e l’Ermitage di San Pietroburgo. Matisse incanta e lo fa in un mood orientaleggiante, indagando appunto l’Oriente attraverso gli occhi occidentali di Matisse, di un genio assoluto e distinto rispetto alle principali avanguardie storiche. Matisse è infatti lontano tanto dal rigore prospettico classicista quanto dalla decostruzione formale del cubismo, in tal modo superando i limiti della pittua intimistica di tradizione ottocentesca.

LE OPERE – Dieci sale si inanellano una dietro l’altra con opere simbolo di Matisse. Nella prima la monumentale natura morta Gigli, Iris e Mimose (Museo Puskin, Mosca) anticipatoria della magia cromatica dei toni dell’azzurro e del verde, nella seconda protagonista il primitivismo di Matisse con Ritratto di Yvonne Landsberg, nella terza i colori brillanti della Fruttiera ed edera in fiore. Nella quarta è il Mediterraneo secondo Matisse che abbaglia con Marocchino in verde e poi si prosegue con la sezione dedicata ai paesaggi tra cui Pervinche – Giardino marocchino (MoMa, New York). In un crescendo si attraversa la sesta sala con Odalisca Blu (dall’Orangerie) e Paravento moresco (dal Philadelphia Museum of Art) per arrivare negli altri spazi al tema dei viaggi e dei motivi decorativi europei fino all’ultima sala dove Matisse si supera negli studi di foglie, alberi e piante dalle superfici smisurate: in particolare in Buisson (Fondazione Maeght) o in l’Arbre ( Centre Pompidou), disposti come un’immensa foresta vegetale sulla parete, fino ad arrivare al celebre Pesci rossi, una delle opere più celebri.

Matisse Arabescque è una rassegna completa e propedeutica per il visitatore che fa rivivere il fasto e l’ eleganza di mondi antichi esaltati dallo sguardo visionario di un artista espressivo e unico come Henri Matisse.

Scuderie del Quirinale, Roma, via XXIV Maggio 16

Orario: da domenica a giovedì dalle 10 alle 20, il venerdì e il sabato dalle 10 alle 22.30

Biglietti: intero 12 euro, ridotti vari (9,50 euro- 6 euro – 4 euro)

Info al numero 06 39967500

Catalogo Matisse arabesque a cura di Ester Coen edito da Skira, in mostra al prezzo speciale di 32 euro.

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending