Connect with us

Football

Verso Genoa-Cagliari: conferenze e probabili formazioni

Pubblicato

|

Zeman ha parlato alla vigilia di Cagliari-Lazio.

Sarà Genoa-Cagliari, in programma domani alle 18 a Marassi, ad aprire, in contemporanea con Parma-Juventus, la trentesima giornata di serie A. Trasferta dura ma assolutamente da non fallire per gli uomini di Zeman, sempre più con l’acqua alla gola e sempre più vicini al baratro della serie B. Contro il Grifone servirà una grande prestazione, ma i ragazzi di Gasperini sono assolutamente determinati a tornare al successo, che manca ormai dal 15 febbraio scorso (5-2 al Verona). Una serie di 5 gare senza i 3 punti che ha portato Perotti e compagni fuori dalla zona coppe. Non mancano quindi le motivazioni alle due squadre, che domani potrebbero dare vita ad un incontro estremamente interessante da seguire

Domani ci sarà Lazio-Genoa e Gasperini vuole bissare i successo dell'andata.

Gasperini vuole i 3 punti contro il Cagliari

QUI GENOA – E’ un Giampiero Gasperini assolutamente assetato di punti e di vittorie quello che si presenta in conferenza stampa per dare la giusta carica ai suoi in vista dell’imminente impegno. “Dobbiamo pensare al nostro momento e non a quello degli avversari. Il nostro obbiettivo è quello di tornare a vincere e vogliamo farlo a partire dalla gara di domani sera. Il Cagliari ha bisogno di punti e proprio come noi cercherà di fare bottino pieno”, queste le parole del tecnico genoano, che garantisce il massimo impegno dei suoi per il finale di stagione: “Ultimamente abbiamo vinto poco, c’è l’opportunità di migliorare la classifica e intendiamo provarci fino all’ultima giornata di campionato: questo è l’impegno mio e dei giocatori. Non voglio convincere gli scettici, ma chi sostiene sempre la squadra. I ragazzi si impegnano al massimo, la tensione non è bassa e siamo pronti a scendere in campo per giocare desiderosi di vincere”. Infine c’è spazio anche per un commento riguardante lo scottante caso Bergdich, denunciato per aver maltratto e picchiato la moglie: “Per quanto riguarda il caso Bergdich dobbiamo prima stabilire l’entità dei fatti. L’episodio riguarda la sfera privata, si fosse trattato di un episodio di campo avrei avuto più potere decisionale in quanto allenatore, e una volta fatte le opportune valutazioni prenderò una decisione sul suo impiego contro il Cagliari. Lasciateci il tempo di capirne di più”. Per quanto riguarda la formazione che scenderà in campo domani, si va verso il consueto 3-4-3 con Lamanna tra i pali (ancora fermo ai box Perin), difesa composta dal tria Burdisso-Roncaglia-Izzo, centrocampo con Rincon e Bertolacci in mezzo e Bergdich ed Edenilson ai lati mentre in attacco il trio sarà formato da Iago, Borriello e Perotti.

QUI CAGLIARI – Trasferta caldissima per il Cagliari, che ormai disperato non può più sbagliare se vuol centrare una permanenza sempre più a rischio. Lo sa bene Zdenek Zeman, che in conferenza stampa si dimostra fiducioso verso i propri ragazzi: “la squadra sa bene in che situazione siamo e sa che deve fare di più, vista l’insufficienza di quel che abbiamo fatto finora. Noi cerchiamo la vittoria contro tutte le squadre. Domani mi aspetto gioco, dobbiamo costruire e commettere meno errori. Ottimista? Sì, ci credo. E non è una frase buttata per caso. Ci credo perché questa squadra ha dei mezzi”. Il boemo, inoltre, cerca di affrontare i problemi e le difficoltà che affliggono la squadra, affermando che “Ci sono alcuni dei miei ragazzi che sembra non capiscano la situazione, almeno non lo danno a vedere. Io dico quello che vedo. Di certo, dobbiamo fare più punti e vittorie di Cesena e Atalanta”. Contro il Genoa mancheranno sicuramente Donsah, ancora alle prese con problemi fisici e colpito inoltre da un attacco febbrile, e Cossu, fermato in settimana da guai fisici come confermato da Zeman in conferenza stampa. Zeman che contro il “Grifone” sembra orientato verso il classico 4-3-3 con Brkic tra i pali, Balzano, Ceppitelli, Rossettini e Avelar in difesa, Ekdal, Crisetig e Dessena a centrocampo e Farias, Sau ed M’Poku a formare il tridente d’attacco.

Enrico Cunego

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending