Connect with us

Moto Gp

MotoGP, Austin: Marquez ancora in vetta nella terza sessione di libere

Pubblicato

|

MotoGP, Austin: Marquez ancora in vetta nella terza sessione di libere

FP3 – In condizioni climatiche non chiare e la pista con qualche sfumatura di bagnato, i piloti MotoGP hanno dato il massimo in questa sessione pre-qualifica. E’ importante per tutti chiudere tra i primi 10 per poter accedere direttamente alla Q2. Marc Marquez (Repsol Honda) conquista il primo posto con un crono di 2:03:302. Il campione del mondo in carica ha avuto la meglio sul coriaceo Cal Crutchlow (CWM LCR Honda) che conferma il suo feeling con la RC213V e chiude in seconda posizione a meno di due decimi da Marquez. Alle loro spalle si rivedono le M1 ufficiali di Valentino Rossi (quarto) e Jorge Lorenzo (terzo): incredibilmente i due compagni di squadra della Movistar Yamaha fanno segnare il medesimo crono davanti al tandem del team satellite Monster Yamaha Tech3, con Bradley Smith e Pol Espargarò. Suo fratello maggiore Aleix precede la GP15 di Andrea Dovizioso (Ducati Team), con Scott Redding e Danilo Petrucci a chiudere la Top Ten. Finiti nella Q1 l’abruzzese Andrea Iannone e Maverick Viñales (Suzuki Ecstar).

La classe regina tornerà in pista più tardi alle 13:30 locali (le 20:30 in Italia) per le FP4, prima di dare il via alle 14:10 texane (le 21:10 in Italia) alle Q1 e alle Q2 che decideranno lo schieramento di partenza del Red Bull Gand Prix of The Americas 2015.

MotoGP, Austin: riscatto Marquez nelle FP2

Riscatto Marquez nelle FP2

FP2 – Dopo la beffa subita da Dovizioso sul finire delle FP1, nella seconda sessione di prove libere Marc Marquez (Repsol Honda) si riprende la leadership della classe regina sul Circuit of The Americas di Austin. Il campione del mondo ha chiuso davanti all’inglese Cal Crutchlow (CWM-LCR Honda) e alla GP15 di Andrea Iannone, stavolta prima delle Desmosedici in graduatoria. Il suo compagno di squadra Andrea Dovizioso (Ducati Team) è quinto assoluto, preceduto dalla GSX-RR di Aleix Espargarò (Suzuki Ecstar). Valentino Rossi guida l’esercito delle Yamaha, seguito dallo spagnolo Pol Espargarò e dalla ‘Open’ del tedesco Stefan Bradl. Nono Yonny Hernandez (Pramac Racing), con Bradley Smith a chiudere la Top Ten dalla quale rimane escluso il maiorchino Jorge Lorenzo (Movistar Yamaha). Se domani dovesse piovere, sarebbe questa la griglia di partenza per le Q1 e 2 (Lorenzo che non è nei primi 10 andrebbe nella Q1).

La classe regina tornerà in pista domani alle 10:55 locali (le 17:55 italiane) per la terza sessione di prove libere; quindi le FP3 di rifinitura che faranno da preludio ai due turni da 15 minuti delle Q1 e delle Q2 (le 14:35 in Texas, le 21:35 in Italia) che decideranno la griglia di partenza del Gp di Austin.

MotoGP, Austin: Dovizioso beffa Marquez nelle FP1

Dovizioso beffa Marquez nelle FP1

FP1 – Al di là della pioggia, la prima sessione di prove libere della classe regina è stata interrotta dalla bandiera rossa, causa cane in pista. Tutti i piloti sono tornati al box, aspettando la cattura del dolcissimo animale, che ha deciso di partecipare anche lui alle prove.

Andrea Dovizioso (Ducati Team) in vetta nella graduatoria dei tempi (2’19″402), davanti al campione del mondo Marc Marquez (Repsol Honda), fino all’ultimo istante vero mattatore del Circuit of The Americas con un crono di 2’19″864. Ottimo terzo posto (2’20″487) per l’altra Honda dell’inglese Scott Redding (Estrella Galicia 0,0 Marc VDS), davanti alla M1 ufficiale di Valentino Rossi (Movistar Yamaha) e alla Desmosedici di Danilo Petrucci (Pramac Racing). Seguono i compagni di squadra Bradley Smith e Pol Espargarò (Monster Yamaha Tech3), quindi Cal Crutchlow (CWM-LCR Honda) e Jorge Lorenzo in nona posizione, con Yonny Hernandez a chiudere la Top Ten.

Chiude in 22ª posizione il rookie Maverick Viñales (Suzuki Ecstar), scivolato alla curva 2. Si stende anche Alex de Angelis (Octo IodaRacing Team), con la pista subito pulita, grazie anche alla preziosa collaborazione del leggendario Loris Capirossi a dirigere l’intervento.

Sanda Urda

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending