Connect with us

Arte&Cultura

A Genova 150 volte GIPI, genio del fumetto

Pubblicato

|

GIPI-ritratto-courtesy-ufficio-stampa-Luzzati.jpg
GIPI: illustrazione per Domandatemi di Auschwitz art di Giovanni Di Lorenzo intervista di Renate Lasker-Harpprecht, 2014 courtesy ufficio stampa museo Luzzati

GIPI: illustrazione per Domandatemi di Auschwitz art di Giovanni Di Lorenzo intervista di Renate Lasker-Harpprecht, 2014 courtesy ufficio stampa museo Luzzati

GIPI è Giovanni Pacinotti, uno che non si fa celebrare in giro, ma all’inaugurazione della mostra al Museo Luzzati di Genova è arrivato, tra la folla di appassionati di graphic novel, per presentare 150 opere, visionabili fino al 27 settembre prossimo, della sua prima vera antologica, titolata neanche a dirlo, scarnamente “GIPI”, così senza fronzoli o giri di parole.

L’AUTORE E LA TECNICA– GIPI è disegnatore, fumettista, illustratore, regista: un artista in campi diversi, maestro sia del racconto sia dell’immagine. Le tecniche sono le più diverse perché il mood espressivo richiesto dal soggetto e dalla situazione possa perfettamente aderire a ciò che deve rendere visivamente: come dichiara GIPI “in “S” ad esempio mi sono imposto di non riscrivere mai le cose. In “Questa è la stanza”, in tutte le scene dove i ragazzi suonano disegnavo direttamente a penna, disegnando un braccio storto e un altro sopra per rimediare…Perché confidavo che in quella perdita di controllo del disegno si riproducesse anche l’incapacità di suonare nostra, che avevamo un tempo, lo spirito di un grippo punk” e poi le tavole per la rivista erotica “Blu”, le strisce di “Una storia”, prima graphic novel mai candidata al famoso premio Strega www.premiostrega.it. Un nucleo significativo dell’esposizione è dedicato al paesaggio, soggetto molto amato da GIPI, con tanti inediti che trapassano gli occhi del visitatore con straordinaria forza espressiva perché, come afferma GIPI stesso, “quel luogo che avrai disegnato, sarà più vero di uno realmente esistente”.

LA MOSTRA– Sono state selezionate oltre 150 opere originali negli spazi della storica Porta Siberia, sede del Museo Luzzati al Porto antico di Genova. Fino al 27 settembre si potranno così ammirare tutte le tappe più significative della carriera di GIPI dalle tavole per le graphic novel, alle illustrazioni per giornali come “La Repubblica” , “Internazionale”, “Suddeutsche Zeitung” fino alle copertine di libri. Tra le opere più interessanti “Appunti per una storia di Guerra”, “I vandali”, “Esterno notte”, “Questa è la stanza”.

GIPI – Museo Luzzati a Porta Siberia
Orario: fino al 15 giugno dal martedì al venerdì 10-13 e 14-18; il sabato e la domenica 10-18
Biglietti: 6 € RIDOTTI VARI 4€ 2€

Info: 0102530328

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending