Vincenzo Galdieri
No Comments

I 5 motivi per tenere Dybala in Italia

Il nuovo fenomeno argentino è sul taccuino di tutti gli operatori di mercato: ecco i motivi per prenderlo. E tenerlo in Italia

I 5 motivi per tenere Dybala in Italia
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Dybala. Il nuovo fenomeno del Palermo ha stregato tutti. Due anni d’ambientamento e via, nel firmamento delle stelle made in Serie A. Di seguito elencheremo i 5 motivi per prenderlo. Anzi, per tenerselo. In Serie A. Un fenomeno cosi non si può dar via all’estero.

1 – GIOVENTU’ – Dybala non è soltanto fortissimo, ma pure giovanissimo. Il che aiuta coloro i quali entrano nell’ottica di fare un investimento in prospettiva: spendere soldi per uno che ti garantisce 10 anni di carriera almeno ad alti livelli, è più facile che spendere vagonate di milioni per uno che te ne garantsce 2 o 3. A nemmeno 22 anni, il puntero è già un campioncino: mix tra Tevez ed Aguero, dicono. Il primo ce l’ha la Juve, il secondo la Juve l’ha inseguito per anni. Il terzo?

2 – COMPLETEZZA – Pochi giocatori all’età di Dybala sono completi come Dybala. Velocità, tecnica, senso del gol, determinazione argentina. E’ poco prestante, dicono: si vabbè, ma ha tutto il resto.

3 – COSTO RELATIVAMENTE CONTENUTO – E’ vero che quella di Zamparini è una bottega cara, ma è anche vero che prendere un giocatore del livello di Dybala da una società media è più semplice che prenderlo da una società grossa. Costa 30 milioni? Si, ma se fosse al Manchester City oggi te lo venderebbero per 55 minimo. Quindi teniamolo in Italia: l’investimento è alla portata dei nostri grandi club.

4 – ENTUSIASMO – La Serie A non ha più il suo appeal di un tempo, per quanto quest’anno, anche grazie alle prestazioni delle nostre in Europa, ci sia stata una sensibile crescita. E’ vero però che molti big players continuano a snobbarci e ritengono l’approdo in Italia un passo indietro a livello di carriera. Per Dybala non sarebbe cosi: in Italia c’è già, ci sta bene ed arrivare in un top club del Belpaese per lui sarebbe un grosso passo avanti.

5 – NESSUN PROBLEMA DI AMBIENTAMENTO – Punto collegato al 4: di solito c’è scetticisimo nel prendere giovani potenziali fenomeni stranieri, perchè, si dice, in Italia il calcio è diverso e non funzionerebbero. Tesi molto spesso smentite dai fatti, ma nel caso di Dybala il problema nemmeno si pone: lui in Italia c’è già da un po’, e problemi di ambientamento non ne avrebbe nessuno.

Vincenzo Galdieri – Twitter: @Vince_Galdieri 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *