Redazione

Mercato Torino: Pasquale in difesa, Pazienza e Tissone a centrocampo i prossimi arrivi

Mercato Torino: Pasquale in difesa, Pazienza e Tissone a centrocampo i prossimi arrivi
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

TORINO, 23 LUGLIO – All’indomani del primo vero test stagionale, coinciso con il triangolare di Sappada contro i sanmarinesi del La Fiorita e il Siena di Serse Cosmi, in casa granata ci si interroga su quanto espresso dalla squadra in campo. E’ parso abbastanza evidente come, pur tenendo conto dei notevoli carichi di lavoro di questo periodo, l’organico a disposizione del tecnico Giampiero Ventura necessiti di ulteriori innesti per poter essere competitivo nella massima serie. Il Direttore Sportivo Gianluca Petrachi sta quindi lavorando su più fronti e particolarmente calde sembrano le piste che portano a Giovanni Pasquale dell’Udinese, a Fernando Tissone della Sampdoria e a Michele Pazienza, in sicura uscita dalla Juventus.

LE NECESSITA’ DELLA DIFESA – La difesa è forse il reparto che si presenta meno bisognoso di ulteriori acquisti. L’unico ruolo che deve essere necessariamente integrato è quello del terzino sinistro dove il solo Salvatore Masiello non può garantire la copertura del ruolo per tutti gli impegni stagionali. Sfumato Mesbah, che ha scelto di giocarsi le proprie carte nel Milan, l’obiettivo numero uno è diventato Giovanni Pasquale dell’Udinese che vedrebbe di buon occhio un trasferimento in Piemonte essendo originario di Venaria, cittadina dell’hinterland torinese. La società friulana ha però dichiarato che il giocatore non si muoverà ma le parole dei dirigenti friulani potrebbero anche sapere di pretattica per avere la possibilità di monetizzare in modo adeguato la  cessione del terzino. Le altre zone della terza linea sembrano essere adeguatamente coperte e altri acquisti si renderebbero necessari in caso di cessioni come quella di Valerio Di Cesare all’ambizioso Spezia che potrebbe portare all’arrivo in granata di Christian Terlizzi dal Varese o di Cesare Bovo dal Genoa.

LE NECESSITA’ DEL CENTROCAMPO – La zona nevralgica del campo è quella dove il cartello dei lavori in corso spicca in maniera più evidente nel gruppo a disposizione di Giampiero Ventura. Questa situazione è dovuta anche alle precarie condizioni fisiche di Matteo Brighi e al coinvolgimento di Giuseppe Vives nell’indagine sul calcio scommesse che potrebbero rendere esiguo il numero di centrocampisti utilizzabili dal tecnico ligure. I dirigenti granata stanno seguendo diverse piste e tra queste i nomi più gettonati sono quelli di Michele Pazienza, uno dei tanti esuberi di casa Juventus, che non rientra nei piani del tecnico bianconero Antonio Conte, e di Fernando Tissone della Sampdoria avente il contratto in scadenza nel 2013 e quindi fortemente indiziato di cessione da parte del club ligure. L’ex giocatore del Napoli sembrava vicino alla società del Presidente Cairo già una decina di giorni fa ma poi alcune incomprensioni tra il Torino e l’agente del giocatore avevano scatenato una polemica che adesso sembra ricomposta con le parti in causa che avrebbero anche trovato un principio di accordo per portare il giocatore alla corte del tecnico genovese. Altra possibilità concreta è quella di Fernando Tissone che vedrebbe di buon occhio un trasferimento in Piemonte ma che il tecnico blucerchiato Ciro Ferrara vuole prima valutare in ritiro prima di dare il nulla osta per la sua cessione. Non sono da scartare le piste che portano ad Angelo Palombo, per il quale il problema principale è però rappresentato dall’alto ingaggio percepito, e al cileno Francisco Silva, giocatore già seguito in passato e il cui nome è tornato in auge nelle ultime ore.

LE NECESSITA’ DELL’ATTACCO – Anche il reparto avanzato della formazione di Ventura necessita di ulteriori innesti per elevarne il tasso tecnico e la capacità realizzativa. Con la posizione di Rolando Bianchi sempre in bilico i nomi dei possibili rinforzi portano a giocatori da parecchio tempo associati alla squadra del Presidente Cairo. Un obiettivo molto gradito a Ventura sarebbe l’attaccante dell’Udinese Paulo Vitor Barreto ma la trattativa per l’ex giocatore del Bari è in stand by così come quella che porta a Sergio Floccari della Lazio, per il quale ci sarebbe da vincere la concorrenza di altri sodalizi e che avrebbe comunque un ingaggio troppo alto per i parametri impostati dalla società granata. Da tenere in considerazione anche la possibilità che il nuovo attaccante sia un nome a sorpresa, finora tenuto nascosto dai dirigenti granata, con un esborso economico considerevole per cercare di regalare a Ventura un rinforzo di assoluto valore. Oltre all’acquisto di una punta centrale si rende anche necessario l’arrivo di un attaccante esterno che potrebbe arrivare da Firenze essendo i granata da tempo interessati ad Alessio Cerci e ad Adem Ljajic per i quali però in casa viola si attende il via libera del tecnico Vincenzo Montella prima di intavolare delle trattative che li riguardano.

a cura di Mauro Leone

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *