Orazio Rotunno
No Comments

Mr Bee nell’uovo di Pasqua rossonero, quel campionato falsato nel ’98 e la crociata per trattenere Felipe Anderson

Mr Bee nell’uovo di Pasqua rossonero, quel campionato falsato nel ’98 e la crociata per trattenere Felipe Anderson
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page


MARCHISIO KO – Clamoroso infortunio del Principino, che durante un allenamento con la Nazionale si procura la rottura del legamento crociato e deve dire addio non solo a questa stagione, ma anche buona parte della prossima. I tempi di recupero sono infatti stimati fra i 6 e gli 8 mesi: il ritorno non avverrà prima della fine di questo anno solare. E’ dunque emergenza assoluta per Allegri e la Juventus, che dovrà affrontare questa parte finale di stagione, in particolare il cammino in Champions, senza due uomini chiave del centrocampo. Marchisio appunto, ma anche Pogba: a questo punto si tenterà di accorciare quanto possibile i tempi di recupero del francese, out due mesi. Pare ovvio dunque il ritorno ad una difesa a 3, visto il rientro di Barzagli ed un centrocampo a 3 con Pirlo-Vidal-Pereyra come uniche alternative in mediana.

MILAN, LA TUA SORPRESA PER PASQUA – Nell’uovo pasquale i rossoneri troveranno Mr.Bee: come anticipa Marco Belinazzo dalle pagine del Sole24Ore, L’asiatico sta mettendo insieme una cordata che unisce soci dal Singapore e Thailandia, interessati a rilevare una quota di minoranza del Milan: infatti, questa è l’unica e non discutibile condizione sulla quale la società rossonera è disponibile a trattare, la Presidenza è e resterà a Silvio Berlusconi. Dopo Pasqua sono attese novità importanti in merito, con un incontro fra le parti, quando l’offerta e la trattativa entreranno nel vivo. L’obiettivo è arrivare alla pianificazione della prossima stagione con l’affare concluso, nel bene o nel male: in caso positivo, vi sarà un impegno decisivo di Mr.Bee nella realizzazione del nuovo stadio.

CARRARO CONFESSA, CAMPIOANTO FALSATO NEL ’98Non ci era sinceramente mancato Franco Carraro, ex Presidente della Figc, lontano dalle scene (almeno da quelle ufficiali) del calcio italiano nel post-Calciopoli. Dalle pagine de “La Repubblica” dice la sua circa le sentenze emesse tre giorni fa: “La Juventus in quei due campionati aveva la squadra più forte e ha vinto sul campo e non a causa delle interferenze. Quello del ’98 secondo me fu l’unico campionato veramente falsato a favore della Juventus, ricordate  il rigore su Ronaldo? Se c’era già Moggi? Sì“. E sui rapporti con quest’ultimo e la sua figura all’interno del calcio, afferma: “Si è compiaciuto troppo del proprio potere, gli piaceva essere riconosciuto come Lucky Luciano; quando andava in giro per Torino e Roma usava la sirena sulla macchina. Di solito le persone che sono costrette a farlo, un po’ si vergognano. A lui invece piaceva”.

ANDERSON FA TREMARE I LAZIALI – Si è scatenata un’asta paurosa per Felipe Anderson, ex compagno di Neymar al Santos e definitivamente esploso in questa stagione, dove è già in doppia cifra nonostante un infortunio che lo aveva tenuto lontano dai campi per oltre un mese. Manchester City e Chelsea di Mourinho sono pronte a fare carte false per portare in Inghilterra il talentuoso brasiliano, il prezzo non scende dai 40 milioni di euro chiesti da Lotito in un primo sondaggio. Ma i tifosi biancocelesti, tramite il web, mettono in chiaro che “Anderson non si muove” e se i già pessimi rapporti con Lotito non vorranno portare ad una catastrofe ambientale, sarà meglio dar loro ascolto. Anderson ha comunque precisato di voler ancora crescere alla Lazio, ma a fronte di un’offerta irrinunciabile, per lui e per la società, sarà m

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *