Manlio Mattaccini
No Comments

Monaco o Saint-Etienne, aggiungi un posto a tavola: Ligue 1 apertissima

Dopo la pausa per gli impegni della Nazionale, il campionato d'Oltralpe potrebbe ritrovarsi con ben quattro squadre in lizza a sette giornate dalla fine

Monaco o Saint-Etienne, aggiungi un posto a tavola: Ligue 1 apertissima
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La rinascita del calcio francese, con dato inequivocabile la presenza ai quarti di Champions di ben due squadre, passa anche per la competitività del proprio Campionato. In un torneo aperto a qualsiasi soluzione, dove i dominus del Psg stanno trovando degni avversari negli Olympique Lione e Marsiglia, sono di rincorsa pure i “rinforzi” dalle retrovie. Complice un punteggio con proiezione finale piuttosto basso, non è detto che Monaco o Saint-Etienne debbano accontentarsi di un piazzamento ai piedi del podio. Tutt’altro: lo scontro diretto, che si giocherà nel Principato, stabilirà chi tra le due forze potrà avere chances di “disturbare” il triello che, alternativamente, comanda questa Ligue 1 2014/15 dall’esito incerto. Sempre se il Psg, galvanizzato dalla Champions, non trovi nel frattempo lo slancio giusto per chiudere la contesa in ambito nazionale.

Brutta sconfitta per 2-0 contro il Montpellier per il Marsiglia di Bielsa

Bielsa e il suo Marsiglia sperano ancora nello Scudetto

MARSIGLIA IN RIPRESA, LIONE CALANTE – A otto giornate dalla fine, con i parigini in vetta alla classifica, sarebbe piuttosto ovvio immaginare un finale scontato. Il primato conquistato dagli uomini di Blanc è però frutto più di un suicidio dell’ex capolista Lione che non per meriti propri. Con il ko interno contro il Nizza, e quattro punti conquistati nelle ultime quattro gare, i rossazzurri di Fournier hanno perso il comando e sembrano aver decretato una flessione che potrebbe essere letale. Un “regalo” che Marsiglia, ma soprattutto Psg, difficilmente rifiuteranno. E proprio gli uomini di Bielsa nelle ultime settimane sono tornati alla ribalta, meno due dalla vetta, dopo un febbraio terribile: due vittorie roboanti in trasferta e il treno per lo Scudetto è stato riagganciato. E sarà proprio lo scontro diretto contro i giustizieri del Chelsea, al Velodrome, a misurare le ambizioni dei biancazzurri. A sette giornate dalla fine, non c’è più tempo per bluffare.

SOGNO MONACO, SPERANZA SAINT-ETIENNE – Nel Principato si stanno vivendo momenti difficilmente immaginabili dopo le dolorose e “dollarose” partenze di Falcao e James Rodriguez. I monegaschi sono sì a sei punti dalla capolista, ma devono recuperare una partita: in casa col Montpellier. Sia la qualificazione in semifinale Champions, sia un ipotetico inserimento nello sprint Scudetto appaiono come montagne insormontabili, ma la solidità difensiva degli uomini di Jardim, condito dal miglior rendimento in trasferta di tutta la Ligue 1, danno più una speranza per un finale di stagione da urlo. Lo scontro casalingo contro il Saint-Etienne sarà il punto di svolta: almeno una delle due, perderà definitivamente terreno. Per i biancoverdi, unica squadra transalpina ad aver vinto dieci titoli nazionali, trovarsi così in alto a fine marzo è quasi una novità. L’esterno ivoriano Grapel e l’attaccante Erdinc sono gli autori di una rimonta completata nelle ultime giornate. Per alimentare la “fiammella”, comunque, è d’obbligo espugnare il “Louis II”.

Manlio Mattaccini

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *