Fulvio Fontana
No Comments

MotoGP 2015: il borsino dei favoriti

Màrquez designato indiscusso. Lorenzo, Rossi e Pedrosa le principali insidie, ma attenzione alle Ducati

MotoGP 2015: il borsino dei favoriti
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Test MotoGp: Marquez spacca Sepang

MotoGp: Marquez è il favorito numero uno per la vittoria finale

Gran Premio del Qatar! Finalmente arriva: bando alle ciance, domenica 27 Marzo parte la stagione motoGP 2015, l’inizio di un’avventura che nasce sotto ottimi auspici, se si considera che la lotta, se non al titolo, alle posizioni di vertice, è aperta a tanti piloti e scuderie: insomma concorrenza agguerrita, spettacolo certo. A Sepang e in Qatar, i test invernali hanno fornito un quadro sufficientemente limpido dei valori in pista, ma lo sport in generale, le moto ancor di più, sono un regno fitto di incognite, di variabili poco controllabili, quindi ben vengano previsioni  e pronostici, ma confidiamo che talvolta vengano pure smentiti o disattesi, tanto da poterci appassionare anche di più. Detto ciò, i piloti che possono contendersi il titolo li conosciamo:

I FAVORITI

Marc Màrquez (Honda): Giovane, bello, talentuoso, straripante: non finiremmo più. Vince a 20 anni il primo titolo mondiale, è il più govane di sempre a farlo, l’anno dopo, cioè il 2014, bissa il primato, impresa ancora più difficile, e vince 13 gare su 18. E siccome dispone anche di una Honda super……favoritissimo. 55%.

Jorge Lorenzo (Yamaha): la sensazione diffusa è che sia tornato ad essere il gladiatore di una volta. Pilota fortissimo, se ingrana la marcia giusta può essere lui il principale rivale del campione del mondo in carica. Saettante. 20%

Valentino Rossi (Yamaha): caro Valentino è tornata l’aspettativa di vederti vincere, galeotto il finale di stagione appena trascorso. Secondo posto, moto più competitiva, tempi nei test buoni, gli ingredienti ci sono tutti, però non ci prendiamo in giro, a te ne manca uno che gli altri hanno: l’età, eh sì gli altri tre hanno questo vantaggio. Facci vedere tu ora! 15%

Dani Pedrosa (Honda): eh sì è proprio lotta di scuderie, anche! Due Honda, due Yamaha, e c’è quindi pure lui: altro pezzo da 90, altro anno per vederne la definitiva consacrazione. Meteora. 10%.

Fuor di borsino, dicevamo attenzione ai talenti, ai giovani talenti che potrebbero mischiare le carte in tavola, per esempio un certo Jack Miller, 20 anni, direttamente dalla moto3, in sella alla LCR Honda di Cecchinello, oppure il coetaneo Maverick Viñales, sulla rientrante Suzuki; il duo Monster Yamaha Bradley Smith e Pol Espargaró; ma non dimentichiamoci, sempre in tema di outsiders, la Ducati, che con Dovizioso e Iannone, ha presentato due moto, nei test, velocissime; infine, non ultima, ritorna nella classe regina, l’Aprilia del team Gresini, guidata da Bautista e dal mai domo Melandri.

Fulvio Fontana

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *