Simone Viscardi
No Comments

Sampdoria-Inter 1-0: Miha se la gode, Mancio crisi Ederna

Una punizione di Eder decide il posticipo in favore della Sampdoria. Inter viva ma sfortunata, il leit motiv della stagione nerazzurra

Sampdoria-Inter 1-0: Miha se la gode, Mancio crisi Ederna
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Alla fine l’ha spuntata l’allievo. Sinisa Mihajlovic si toglie la soddisfazione di battere il maestro di sempre Roberto Mancini, piegando con la sua Sampdoria un’Inter sfortunata e ancora incapace di rialzarsi. Ad onor del vero a Marassi il pareggio sarebbe stato il risultato più fedele a quanto visto in campo, ma una punizione splendida del neo azzurro Eder sblocca il match a metà della ripresa. Nel primo tempo sono i padroni di casa a rendersi pericolosi, ma Muriel spara in curva di sinistro dopo un controllo in area da urlo. Pochissime le occasioni nei primi 45′ minuti, con l’Inter brava a costruire gioco ma impalpabile negli ultimi 16 metri. Tutt’altra musica nella ripresa: prima è Icardi a prendere la traversa, poi è Shaqiri a sfiorare il bersaglio grosso con un tiro da fuori. Nel miglior momento degli ospiti arriva la rete dei blucerchiati, sintomatica del momento felicissimo della banda Miha, agli antipodi rispetto alla crisi nerazzurra di ormai difficilissima soluzione. I ragazzi di Mancini provano a raddrizzare la partita fino all’ultimo, ma il risultato non cambia. Europa lontanissima per l’Inter, scavalcata anche dai cugini del Milan, Europa a un passo per la Samp, che tiene il passo di Roma e Lazio.

TOP&FLOP SAMPDORIA

EDER VOTO 7 – Festeggia la convocazione di Antonio Conte con la rete che alimenta il sogno della Samp. Si dice che la grande squadra si vede quando vince partite che non meriterebbe, beh, allora la Samp è una grande – ITALIANO

Eder, attaccante della Sampdoria.

Eder, attaccante della Sampdoria.

MURIEL VOTO 7 – Elude Ranocchia con un gioco di prestigio degno dei più grandi del ruolo, poi però spreca tutto sul più bello. Sembra la sintesi della sua carriera, ma questa sera si sono viste soprattutto le luci – INCOSTANTE

ACQUAH VOTO 6,5 – Imprescindibile nelle ultime uscite sampdoriane, e un motivo ci sarà. Miha si fida della sua duttilità tattica e della sua facilità di corsa, venendo ripagato anche in questo match – MOTORINO

VIVIANO VOTO 6,5 – La traversa aiuta gli audaci. Il montante lo salva su Icardi, ma le manone sul pallone di Guarin (e sullo splendido momento dei suoi) ce le mette decisamente lui – BAYWATCH

PALOMBO VOTO 5,5 – Shaqiri è una brutta bestia, e l’esperto mediano doriano fatica a tenerne le tracce, soprattutto nella prima frazione. L’imprecisione dello svizzero lo grazia, ma non lo assolve – SFIANCATO

TOP&FLOP INTER

SHAQIRI VOTO 7 – Vivace, frizzante, sempre pronto a proporsi tra le linee, costringendo a una partita di inseguimento il diretto avversario Palombo. Gli manca un pizzico di fortuna nell’ultimo passaggio o nel tiro, altrimenti sarebbe devastante – FURETTO

MEDEL VOTO 6,5 – Sforna recuperi in quantità industriale, senza cadere preda delle finte dei funamboli blucerchiati. Non male anche in impostazione, anche se i lanci millimetrici andrebbero lasciati a qualcun altro – BALLBUSTER

GUARIN VOTO 6,5 – Intensità a livelli altissimi, contrasti vinti che è un piacere ma ancora qualche calo di tensione al momento dell’assist decisivo. A un passo dal cielo, come sempre, ma piccolo piccolo – AGGRESSIVO

RANOCCHIA VOTO5,5 – Muriel è un cliente scomodo, ma lui ci mette del suo per farsi bere in velocità. Qualche errore di posizionamento che solo la buona sorte non gli fa pagare carissimo – AMNESIA

HANDANOVIC VOTO 5,5 – Prendere gol sul proprio palo è sempre un sacrilegio per un estremo difensore, se poi capita nell’unico tiro in porta del match il disonore è doppio – BUCATO

TABELLINO SAMPDORIA-INTER 1-0

SAMPDORIA (4-3-3): Viviano 6.5; De Silvestri 6,5, Silvestre 6, Romagnoli 6, Regini 6; Soriano 6 (dal 36′ s.t. Duncan SV), Palombo 5,5, Acquah 6,5 (dal 7′ s.t. Obiang 6,5); Muriel 7 (dal 22′ s.t. Okaka 6), Eto’o 6, Eder 7. All. Mihajlovic 6,5
INTER (4-3-1-2): Handanovic 5,5; D’Ambrosio 6, Ranocchia 5,5, Vidic 6, Juan Jesus 5,5; Guarin 6,5, Medel 6,5, Brozovic 6 (dal 31′ s.t. Palacio 6); Shaqiri 6,5; Podolski 5,5 (dal 32′ s.t. Camara SV), Icardi 6. All. Mancini 6
Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *