Sanda Urda
No Comments

SBK: doppietta di Jonathan Rea in Thailandia

La seconda tappa del mondiale SBK vede vincitore, sul nuovo tracciato thailandese, il pilota Kawasaki, che passa in testa al mondiale

SBK: doppietta di Jonathan Rea in Thailandia
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Al secondo appuntamento la Superbike inaugura il Chang International Circuit con grande successo. Il tracciato è stato subito apprezzato dai piloti e team per le ampie vie di fuga e per la curva che da sul rettilineo, curva molto promettente a detta anche di Pol Espargarò (Monster Yamaha Tech3), unico pilota europeo MotoGP a provare già il circuito.

GARA1 SB KJonathan Rea (Kawasaki Racing Team) ha conquistato il successo nella gara inaugurale del Mondiale Superbike in Thailandia, grazie ad una performance impeccabile durante tutta la gara. Il pilota britannico è scattato perfettamente dalla pole, riuscendo a conquistare un cospicuo margine sin dai primi giri e mantenendo un passo costantemente veloce per tutta la durata di gara. L’unico in grado di impensierire il pilota ufficiale Kawasaki, almeno nella prima parte di gara, è stato ancora una volta Leon Haslam (Aprilia Racing Team – Red Devils), il quale però al giro di boa della corsa ha mollato la presa e preferito consolidare la seconda piazza, vista la netta superiorità del suo ex-compagno di squadra. Grazie alla seconda vittoria in stagione su tre gare, la diciassettesima in carriera, Rea comanda la classifica, in attesa di gara 2, con cinque punti di vantaggio proprio su Haslam. Terzo Tom Sykes (Kawasaki Racing Team), abile a tener dietro Jordi Torres, per il gradino più basso del podio, grazie alla sua proverbiale abilità in staccata. Il Campione del Mondo in carica Sylvain Guintoli (Pata Honda World Superbike) ha chiuso al quinto posto, davanti ad un Alex Lowes (Voltcom Crescent Suzuki) protagonista di una scivolata al’ultima curva del dodicesimo giro, dopo la quale è ovviamente riuscito a riprendere la via della pista.

Completano la top 10 Matteo Baiocco (Althea Racing Ducati), Troy Bayliss (Aruba.it Racing – Ducati Superbike Team) che sostituisce Giugliano assente per infortuneo, David Salom (Team Pedercini Kawasaki) e Leandro Mercado (Barni Racing Ducati), con undicesimo il secondo alfiere ufficiale Ducati Chaz Davies, vittima di una caduta nel medesimo punto di quella di Lowes, tre giri prima del connazionale. Diversi i ritiri, tra cui quelli di Michael van der Mark (Pata Honda World Superbike), Niccolò Canepa (Team Hero EBR) e Leon Camier (MV Agusta Reparto Corse). Alex Lowes e Troy Bayliss sono stati penalizzati di una posizione per aver sorpassato in regime di bandiera gialla alle ore 13:23, nel corso del giro numero 24 – art. 1.23.2.

GARA2 SBK – Rea (Kawasaki Racing Team) ha portato a casa una storica doppietta, la terza in carriera, involandosi in solitaria verso la bandiera a scacchi di gara 2 al Chang International Circuit. Il pilota britannico ha messo in pista la stessa determinazione della corsa precedente, scattando in modo perfetto dalla pole position e prendendo margine a poco a poco, grazie ad un ritmo impareggiabile. Il momento di grazia del britannico è evidenziato dai 95 ottenuti su 100 disponibili, con Rea che ora detiene dieci punti di vantaggio sul primo degli inseguitori, Leon Haslam (Aprilia Racing Team – Red Devils). Haslam, dal suo canto,, ha fatto tutto ciò che era nelle sue possibilità, chiudendo con un risultato incoraggiante e davanti al 2rivale/amico” Alex Lowes (Voltcom Crescent Suzuki), sopravanzato nel corso del nono passaggio. Appena fuori dal podio Jordi Torres con l’altra Aprilia RSV4 ufficiale, il quale è riuscito ad avere la meglio, questa volta, su Tom Sykes (Kawasaki Racing Team), quinto e seguito dal Campione del Mondo in carica Sylvain Guintoli (Pata Honda World Superbike). Il transalpino è stato autore di un’ottima rimonta dall’ultima posizione dello schieramento, dalla quale è dovuto scattare a causa di un problema alla frizione occorso pochi minuti prima della partenza di gara. Completano la top-10 Michael van der Mark (Pata Honda World Superbike), Matteo Baiocco (Althea Racing Team Ducati), autore di un fine settimana di gare davvero competitivo, David Salom (Team Pedercini Kawasaki) e Leandro Mercado (Barni Racing Team Ducati). Troy Bayliss (Aruba.it Racing – Ducati Superbike Team), undicesimo, è stato il solo pilota ufficiale della Casa di Borgo Panigale al traguardo, vista la caduta al sesto passaggio di Chaz Davies, alla curva 3. I piloti del Team Hero EBR, Niccolò Canepa e Larry Pegram, non hanno preso parte alla gara, a causa del surriscaldamento dei motori delle rispettive EBR 1190RX.

Sanda Urda

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *