Davide Luciani
No Comments

Juventus, ora viene il difficile: chi è meglio pescare nei quarti di Champions?

La Juventus, domani a Nyon, conoscerà il suo rivale nei quarti di Champions League. Ecco la nostra personale griglia

Juventus, ora viene il difficile: chi è meglio pescare nei quarti di Champions?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Il Real Madrid di Ancelotti non è un avversario impossibile per la Juventus

Il Real Madrid di Ancelotti non è un avversario impossibile per la Juventus

La Juventus domani, a Nyon, conoscerà il suo avversario nei quarti di finale. Nell’urna, con i bianconeri, ci saranno Barcellona, Real Madrid, Atletico Madrid, Bayern Monaco, Monaco, Porto e Paris Saint Germain. Ecco il nostro borsino sui possibili accoppiamenti dei quarti.

DA EVITARE – Il Barcellona è la squadra più ostica da affrontare, in questo momento. Luis Enrique, dopo un periodo di crisi, ha trovato l’assetto giusto e ha iniziato a volare grazie a  Messi, tornato su livelli stratosferici e alla crescita di Suarez e Neymar. Il vero salto di qualità, però, la squadra lo ha fatto con Rakitic a centrocampo. L’ex Siviglia è diventato il fulcro del gioco blaugrana e un perno insostituibile nello scacchiere dei catalani. Per caratteristiche di palleggio e aggressività, i blaugrana sarebbero i più difficili da affrontare, anche perchè, sono l’unica squadra, tra quelle rimaste, che gioca con tre punte vere. Per Chiellini e compagni sarebbe difficile andare. Inoltre, il possesso palla dei catalani, rischia di costringere i bianconeri a tenere un baricentro molto basso, non permettendo ai vari Pogba, Marchisio e Vidal, di poter scatenare la loro progressione e il senso dell’inserimento.

Per motivi simili va evitato il Bayern, ma la squadra di Guardiola, è una spanna sotto quella di Luis Enrique. La differenza sta nella  zona nevralgica del campo. Centralmente, infatti, i bavaresi sono molto vulnerabili, visto che i vari Dante, Badstuber, Boateng e lo stesso Benatia, qualche errore lo commettono sempre. Stesso discorso a centrocampo, con Schweinsteiger che risente di acciacchi fisici e che non ha un compagno all’altezza. Questo significa che, giocando per vie centrali, la Juventus, con Pogba, Vidal, Tevez e Morata, potrebbe fare molto male. I bavaresi, però, come il Barcellona, sono devastanti sulle fasce. Difficilmente Lichtsteiner ed Evra riuscirebbero a contenere le folate di Robben, Ribery ed Alaba e  i tedeschi rischiano di avere campo libero da quella parte con gravi pericoli per la porta di Buffon. Anche i bavaresi, poi, fanno del possesso palla la loro arma migliore e qui entra in gioco lo stesso discortso fatto per il Barcellona. E’ vero che non basta avere un maggior possesso per vincere, ma se costringi i tuoi avversari a stare bassi prima o poi segni. Per questo i bavaresi sono da evitare.

FASCIA MEDIA – Il Real Madrid lo mettiamo nella fascia media. Non siamo impazziti, ma, in base al gioco e allo stato di forma degli spagnoli, la Juventus ha più possibilità di passare con i Blancos che con Barcellona o Bayern. E’ vero, Ancelotti può contare su giocatori di altissimo livello in avanti, ma, dal centrocampo in giù, la squadra non è questo spauracchio. Le fasce difensive, con Carvajal, Marcelo, Arbeloa e Coentrao, sono più che vulnerabili, mentre a centrocampo, Kross è costretto a tirare la carretta da inizio anno e Modric è appena tornato da un infortunio serio. La cessione di Xabi Alonso in estate ha tolto ad Ancelotti, il metronomo di centrocampo e la squadra ha perso lo spirito di sacrificio di inizio anno. Una Juventus molto aggressiva, può tagliare in due i campioni del mondo, evitando di far arrivare i rifornimenti alle punte e scatenando la velocità di Morata e Tevez contro i centrali spagnoli. Inoltre, la debolezza sulle fasce difensive, potrebbe portare Lichtsteiner ed Evra molto spesso sul fondo con invitanti cross per il numero 9 bianconero (o per Llorente a gara in corso). Insomma: timore sì, ma fino ad un certo punto.

Un gradino sotto il Real Madrid c’è il Paris Saint Germain. I francesi avranno un vantaggio in più in questi quarti: l’assenza di Ibrahimovic. Provocazione? No, realtà. Lo svedese  in tutte le gare ad eliminazione diretta di Champions (tranne quando ha incontrato l’Arsenal) è sempre stato l’uomo in meno della sua squadra fosse la Juve, il Milan, l’Inter, il Barcellona o il Paris Saint Germain. La sua assenza permetterà a Blanc di mettere cavani al centro dell’attacco. Con i palloni che Verratti potrebbe mettere a disposizione dell’uruguayano, il rischio per la difesa della Juve è elevato. Non vanno poi dimenticate le accelerazioni di Patore, o, se giocasse, Lavezzi. Si tratta di tutti giocatori conosciuti bene in Italia e questo è un vantaggio per i difensori bianconeri. L’altro è dovuto alla pochezza difensiva dei parigini. David Luiz è uno dei difensori più scarsi e sopravvalutati del mondo, Maxwell è lento e macchinoso e, sulla destra, Marquinhos e Van der wiel sono poca cosa. Insomma: il solo Thiago Silva difficilmente basterà. Aggiungiamoci poi le difficoltà in fase di non possesso di Verratti ed ecco che il quadro è meno fosco di quanto possa sembrare. Insomma: una Juve in stile Dortmund avrebbe buone opportunità di passare.

DA PRENDERE – L’Atletico Madrid non sarebbe malvagio da prendere. Anzitutto la Juventus lo ha già affrontato nella fase a gironi e lo conosce bene. In secondo luogo, gli uomini di Simeone sono sulle gambe. In Liga sono scivolati al quarto posto, sono usciti dalla Coppa del Re e si sono qualificati con il fiatone ai quarti. Insomma: se la Juventus non ripeterà gli errori fatti in inverno, eliminare i campioni di Spagna non è così utopistico. I vari Griezmann, Mandzukic e Arda Turan fanno paura fino ad un certo punto. Per stile di gioco l’Atletico è simile alla Juventus, quindi, sarebbe una sfida combattuta e tirata che potrebbe vedere vincente la squadra di Allegri.

Più abbordabile dell’Atletico Madrid è il Porto. Rispetto agli spagnoli i portoghesi hanno un centrocampo più qualitativo, con il sottovalutato Casemiro, Brahimi e Quintero, ma una squadra molto meno “cattiva” e più incline agli sbandamenti. Il Porto è umorale, capace di grandi giocate, ma anche di topiche clamorose. La difesa è molto vulnerabile. Lo spauracchio, ovviamente, è Jackson Martinez. Tevez e Morata, però, fanno altrettanta paura a Maicon e Marcano. Insomma: con i portoghesi la squadra di Allegri se la giocherebbe alla pari, se non in posizione di vantaggio.

Il Monaco, tra le otto rimaste, è la squadra più abbordabile. I francesi hanno giovani interessanti, primi tra tutti Kondogbia e Martial, ma anche enormi lacune. Basta dire che in difesa il titolare, prima dell’infortunio era Raggi, non certo un top player. Non sono meglio i vari Kazawa e Abdennour. In avanti, poi, si vive delle lune di Berbatov. Il vero punto di forza è a centrocampo, dove, al già citato Kondogbia vanno aggiunti Moutinho e Toulalan. Insomma: il Monaco è la vera intrusa tra le magnifiche otto della Champions. Non va sottovalutata, ma neanche bisogna aver paura dei monegaschi. Con i biancorossi la Juventus partirebbe favorita.

Qualunque sia l’accoppiamento dei bianconeri nei quarti i bianconeri hanno l’imperativo di giocarsela. Dortmund è stato un banco di prova importante, ora, bisogna superarne un altro per fare un ulteriore passo in avanti nella crescita europea.

Davide Luciani

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *