Massimiliano Riverso
No Comments

Il re dei troll, alias Roberto Mancini

Storie di allenatori in bilico...questo è il calcio

Il re dei troll, alias Roberto Mancini
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il re dei troll, alias Roberto Mancini. I suoi messaggi provocatori e fuori tema hanno proiettato milioni di creduloni nerazzurri in una realtà virtuale, in un universo parallelo in cui l’Inter si trova a duellare con la Juventus per la conquista dello scudetto. Povera Inter. Dopo il divoratore di plastica, l’uomo dei record nel suo giardino di casa, ci mancava l’illusionista per rendere meno amara la quarta stagione da comiche dei nerazzurri. Per correttezza morale, bisogna specificare che i due allenatori si sono trovati in rosa giocatori da Chievo, che nulla hanno a che spartire con il Biscione.

L’ultimatum più lungo della storia del calcio vede come ostaggi il sempre più attapirato Filippo Inzaghi e i cugini brocchi della Beneamata. Lo status è praticamente identico a quello dell’Inter, l’unica differenza è la confusione societaria che vede il Milan spiattellato al mercato del pesce di Quartoggiaro. La decadenza di B. ha travolto anche il club più titolato al mondo e il Condor e la Mortizia Bionda stanno toppando nel settore marketing. Intanto Conte fa la gnola: futuro rossonero?

Se penso a Garcia mi vengono in mente mille cose. La spocchia del chitarrista ha raggiunto l’acme sotto la spinta di un’ambiente, quello romano, in cui si vive esclusivamente di gricia e futbol. La contestazione è alla porte e come Cesare, Bruto è pronto a pugnalare alle spalle l’ex sviolinatore. Ma non era tutta colpa de ‘Er Sistema.

Piccola postilla. Se malauguratamente il Dortmund dovesse passare il turno contro la Juve, anche la stagione della Juve diverrebbe praticamente inutile. La notte alla WesfalenArena è la notte per i bianconeri, ma per Acciuga sarà vietato sbagliare pena la gogna mediatica già allestita dalla Gazza.

Massimiliano Riverso
@MassiRiverso 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *