Marco Scipioni
No Comments

Crisi Roma, Garcia è davvero l’unico colpevole?

La crisi della Roma non finisce più: proviamo ad analizzarne le cause e a cogliere le responsabilità dell'allenatore dei giallorossi, Rudi Garcia.

Crisi Roma, Garcia è davvero l’unico colpevole?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Coppa Italia: Fiorentina-Juventus in semifinale. Gomez manda in crisi la Roma

Roma in crisi

La Roma non vince più e, dopo la serie di pareggi, è arrivata la sconfitta (0-2 contro la Sampdoria, allo Stadio Olimpico). Ma davvero Garcia è l’unico colpevole della crisi della squadra giallorossa? Proviamo ad analizzare le colpe dell’allenatore francese.

PERCHÈ  GARCIA È COLPEVOLE – Certamente l’allenatore nei momenti di crisi emerge come principale colpevole e come capro espiatorio da sollevare dall’incarico per risolvere i problemi che affliggono una squadra. Ma quali sono le colpe di Garcia? Molto probabilmente l’ex allenatore del Lille ha commesso l’errore di caricare di pressione un ambiente già di per sè molto esigente con la squadra, dichiarando al termine di Juventus-Roma del 5 ottobre dello scorso anno Vinceremo lo scudetto. Tale esternazione del tecnico giallorosso potrebbe aver caricato di responsabilità la squadra giallorossa, aver tolto pressione alla compagine di Allegri e aver convinto i tifosi romanisti ad esigere di più. Oltre a questo aspetto, la sconfitta clamorosa in casa contro il Bayern Monaco di Pep Guardiola, sebbene le dichiarazioni degli interessati evidenzino il contrario, ha sicuramente minato alla base le certezze della Roma, togliendo la fiducia acquisita nel corso della gestione Garcia. Ma, mentre queste responsabilità possono essere considerate accidentali, le colpe del tecnico francese sono più evidenti quando si parla di gioco, di mancato utilizzo di giocatori considerabili validi, di logoramento dei pochi interpreti cardini e trascinatori della squadra (Nainggolan su tutti). Riguardo al primo aspetto risulta evidente come Garcia non sia riuscito a trovare un’alternativa a Gervinho riguardo alla fase offensiva e che, appena si è spento il giocatore ivoriano, la squadra abbia sofferto notevolmente nel produrre gioco, spesso risultando sterile. Per quanto concerne la seconda e la terza ipotesi, sebbene gli infortuni possano rappresentare importanti alibi a disposizione dell’allenatore (Castan, Maicon, Strootman sono calciatori fondamentali nell’economia del gioco della squadra giallorossa), risulta evidente come giocatori come Paredes, Uçan, Sanabria, Verde siano giovani molto interessanti, alcuni pagati piuttosto lautamente e che sono stati utilizzati col contagocce, spesso per far spazio a giocatori assolutamente fuori condizione, fisica e mentale.

PERCHÈ  GARCIA NON È IL SOLO RESPONSABILE – Rudi Garcia, però, può vantare dalla sua parte notevoli e importanti argomenti a sostegno della tesi secondo la quale non sarebbe lui il solo responsabile della situazione attuale della Roma. Risulta evidente come nella partita tra Roma e Sampdoria fossero soltanto 5 i titolari della rosa pensata a giugno dalla dirigenza giallorossa (erano solo 4, prima degli infortuni, 2 durante tutto il resto della partita a Firenze), in accordo col tecnico stesso. Dunque il gioco pensato in funzione di certi interpreti non è stato possibile attuarlo per mancanza dei calciatori stessi che, per svariati motivi, di infortuni o non, sono mancati. Appare chiaro, infatti, come la rosa di quest’anno sia completamente stravolta rispetto a quella dello scorso anno: Maicon quasi sempre in infermeria, Benatia venduto, Castan, Balzaretti, Strootman infortunati, De Rossi, Pjanic e Gervinho lontani parenti di quelli della stagione precedente, Totti con un anno in più e spesso esente dal turn over per mancanza di alternative oppure per una gestione di Destro alquanto discutibile. Dunque, la dirigenza capitolina dovrà riflettere bene sul da farsi, Garcia potrebbe non essere colpevole tanto quanto possa apparire dall’esterno.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *