Gianpiero Farina
No Comments

Torino-Lazio 0-2: show di Felipe Anderson. Biancocelesti terzi

Una doppietta del giocatore brasiliano decide la sfida dell'Olimpico

Torino-Lazio 0-2: show di Felipe Anderson. Biancocelesti terzi
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Torino-Lazio 0-2. I biancocelesti espugnano l’Olimpico granata grazie ad una doppietta di un mostruoso Felipe Anderson e si portano da soli al terzo posto, approfittando del ko del Napoli a Verona.

PRIMO TEMPO – Partita molto tattica nel primo tempo. I biancocelesti provano a fare la partita ma non riescono a far girare velocemente la palla. Ci provano Cataldi e Parolo ma il Torino resiste e tiene bene il campo. Sono proprio i padroni di casa ad avere l’occasione più clamorosa: cross di Gaston Silva dalla sinistra, colpo di testa di Amauri che però viene respinto da Marchetti e sulla respinta Martinez, sempre di testa, non inquadra la porta. Si chiude così un primo tempo avaro di emozioni.

I cambi di Stefano Pioli hanno cambiato l'andamento di Torino-Lazio.

I cambi di Stefano Pioli hanno cambiato l’andamento di Torino-Lazio

SECONDO TEMPO –  Nella ripresa la situazione non cambia e allora Pioli si gioca le carte Onazi e Keita che prendono il posto di Cataldi e Mauri. Siamo al minuto numero 57. Al 64′ Felipe serve una palla d’oro proprio a Keita che scivola al momento della conclusione e butta al vento un’occasione clamorosa. La Lazio però alza i ritmi e al 71′ trova il gol: Anderson si invola palla al piede, supera Maksimovic  e Jansson e beffa Padelli infilando nell’angolino basso. I padroni di casa vanno immediatamente vicino al pari con una rasoiata di Darmian su cui Marchetti si fa trovare pronto deviando in angolo. Ma i biancocelesti continuano ad insistere e sfiorano il raddoppio con Keita che, defilato sulla destra, centra l’esterno della rete. Ma l’appuntamento con il bis è solo rimandato:al 78′ Klose serve Felipe Anderson sulla sinistra e il numero 7 biancoceleste che con il mancino sigla il 2-0. Il Torino prova a reagire e va vicino al gol con un colpo di testa di Amauri. Ma De Vrij e Mauricio concedono poco e nulla e la Lazio centra la quinta vittoria consecutiva staccando il Napoli e mettendo pressione alla Roma.

COMMENTO – Partita equilibrata per un’ora circa ma poi è venuta fuori la maggiore qualità della Lazio. Decisive le giocate di Felipe Anderson ma al Torino, comunque ben messo in campo, è mancata incisività in fase offensiva.

TABELLINO E PAGELLE NUMERICHE TORINO-LAZIO

TORINO-LAZIO 0-2

Marcatori: 71′, 78′ Felipe Anderson (L)

Torino: (3-5-2) – Padelli 6; Maksimovic 5, Jansson 5, Bovo 5,5; Bruno Peres 5,5, Benassi 5,5, Basha 5,5 (79′ Farnerud s.v.), El Kaddouri 6, G. Silva 6 (62′ Darmian 6); Amauri 5,5, Martinez 5,5 (62′ Maxi Lopez 5,5). All. Ventura. A disp. Castellazzi, Ichazo, Glik, Moretti, Alvaro Gonzalez, Quagliarella.

Lazio: (4-3-3) – Marchetti 6,5; Basta 6, De Vrij 7, Mauricio 7, Radu 6; Cataldi 6 (56′ Onazi 6), Biglia 6,5, Parolo 6; Felipe Anderson 8 (80′ Ederson s.v), Klose 6,5, Mauri 6 (56′ Keita 6). All. Pioli. A disp. Berisha, Strakosha, Novaretti, Braafheid, Cavanda, Ciani, Ederson, Lulic, Ledesma, Onazi, Keita, Perea.

Arbitro: Orsato

Ammoniti: Maksimovic (T), Amauri (T), Radu (L), El Kaddouri (T), Basta (L).

TOP E FLOP TORINO-LAZIO

TOP

FELIPE ANDERSON 8 – Il man of the match di questo Torino-Lazio. Spacca la partita con una doppietta, la seconda dopo quella all’Inter, e trascina la Lazio al quinto successo consecutivo. Giocatore straordinario.

DE VRIJ/MAURICIO 7 – Praticamente perfetti. Chiudono tutti gli spazi e mostrano un’intesa che cresce sempre più. Non è un caso che la Lazio per la terza partita consecutiva non subisce reti.

FLOP

MAKSIMOVIC-JANSSON 5 – Umiliati da Felipe Anderson nell’occasione del gol. E’ vero che il brasiliano è un extraterrestre ma forse potevano fare di più.

Gianpiero Farina

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *