Enrico Cunego
No Comments

Nba, le gare della notte: Gallinari stoppa Golden State, ciclone Dallas

Nella notte Nba i Nuggets sorprendono dei Warriors privi dei titolari, mentre Dallas travolge i Clippers. Atlanta passa a Phoenix, bene anche Portland

Nba, le gare della notte: Gallinari stoppa Golden State, ciclone Dallas
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Nella notte Nba i Nuggets sorprendono dei Warriors privi dei titolari, mentre Dallas travolge i Clippers. Atlanta passa a Phoenix, bene anche Portland

Ennesima tripla doppia stagionale per Russell Westbrook

9 le gare giocate nella notte Nba. Tra tutte spicca il grande successo dei Dallas Maverick sui Los Angeles Clippers, travolti dalla irruenta forza offensiva dei texani. Le riserve di Golden State soccombono a Denver contro i Nuggets di un ottimo Danilo Gallinari, mentre a Phoenix i Suns cedono ai leader dell’Est, gli Atlanta Hawks. Molto bene anche Portland che si sbarazza dei Detroit Pistons, mentre Russell Westbrook è nuovamente decisivo nel successo dei Thunder contro Minnesota. Vittorie anche per 76ers, Raptors, Celtics ed Hornets

SUPER GALLO, SUPER DALLAS – Per la trasferta in Colorado il coach dei Golden State Warriors Steve Kerr opta per un massiccio turn-over: fuori il celebratissimo duo Curry-Thompson, oltre ad Andre Iguodala ed Andrew Bogut. I Denver Nuggets sfruttano l’occasione e pur soffrendo vincono 114-103 grazie ad un ottimo finale di gara segnato da un parziale di 12-2, fondamentale per allontanare questi Warriors “formato B”, che disputano comunque una buona gara restando per almeno tre quarti “agganciati” al treno della partita. Da vero leader il contributo del nostro Danilo Gallinari, autore di 24 punti e 7 assist, cui fanno buona compagni i medesimi 24 punti con 17 rimbalzi di Kenneth Faried. Nei Warriors ottima prestazione per Jrue Holiday, 23 punti. Dopo 3 sconfitte nelle ultime 4 ai Mavericks serviva una vera e propria scossa per ricaricare le energie. Contro i Los Angeles Clippers la scossa si è decisamente sentita, dato che i texani travolgono i californiani con un eloquente 129-99 finale. Un +30 segnato dall’enorme pericolosità offensiva della squadra di coach Carlisle, con 7 giocatori sopra i 10 punti ed un Chandler Parsons formato MVP che segna 22 punti ad un parziale di 15-6 nel primo quarto con cui i Mavs passano a controllare saldamente la gara. Nei Clippers Paul (11 punti e 7 assist) è decisamente contenuto e per tutta la gara la difesa è in balia della squadra di casa. A Phoenix invece basta un quarto da 31-14 agli Atlanta Hawks per piegare le resistenze dei Suns, cui non bastano i 40 punti complessivi dei fratelli Morris (22 Marcus, 18 Markieff). Nel finale Millsap (23 punti) e Korver (14) mettono a referto le triple decisive per l’87-96 finale della franchigia leader dell’Eastern Conference. Ad Oklahoma c’è sempre il solito cognome ad infiammare la Cheseapeake Arena: Russell Westbrook. Il californiano contro i Minnesota T’wolves infila la terza tripla doppia stagionale (29 punti, 12 assist e 10 rimbalzi), permettendo ai suoi di sconfiggere 113-99 i “lupi”. 14 dei 29 punti finali arrivano nell’ultimo quarto, dove OKC  piazza un parziale di 9-1 che decide la gara. Settimo successo nelle ultime 8 per i Portland Trail Blazers, che si sbarazzano dei Detroit Pistons (in caduta libera, nono ko di fila) grazie ad un 118-99 segnato dai 50 punti della coppia Lillard (28)- Aldridge (22). Decisivo il break da 21-6 nel primo quarto che indirizza la gara in favore della franchigia dell’Oregon.

LE ALTRE GARE – 19 punti di Kyle Lowry e 18 di DeMar DeRozan regalano il 102-92 finale con cui i Toronto Raptors sconfiggono i Miami Heat dopo 16 ko consecutivi. A Sacramento non basta un incredibile Cousins da 39 punti e 24 rimbalzi, perchè i deboli Sacramento Kings finiscono per soccombere 114-107 in casa dei Philadelphia 76ers, in netta ripresa in questo finale di stagione. Fantastica rimonta per la squadra di Brett Brown, che rimonta 18 punti agli avversari nell’ultimo quarto. Rimonta anche per gli Charlotte Hornets, che da -19 passano ad un parziale di 23-5 che decreta il 101-91 con cui gli Hornets annientano le resistenze dei Chicago Bulls. Infine, continua la ricorsa ai play-off dei Boston Celtics, al quinto successo nelle ultime 6 grazie al 95-88 rifilato ai danni degli Orlando Magic. Tre punti per Gigi Datome, autore di una tripla nel finale di primo quarto.

Enrico Cunego

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *