Connect with us

Ciclismo

Tour de France, le pagelle della diciassettesima tappa

Pubblicato

|

PEYRAGUDES (FRANCIA), 19 LUGLIO 

Valverde, voto 10 – Uau, che vittoria! Supera il tappone pirenaico con grinta e sicurezza. Sempre fluido e costante nella propria pedalata. Ci mancava davvero una vittoria dello spagnolo, ed è arrivata nel migliore dei modi.

Wiggins, voto 9,5 – Accusato di vincere un Tour senza esporsi troppo, ieri ha dimostrato di essere davvero il migliore degli uomini di classifica. Non fatica, riprende tutti i fuggitivi, seda tutti gli scatti. Protagonista e vincitore meritato di questo Tour. Unica pecca, non lascia andare Froome quando questi poteva vincere la tappa. Comunque il migliore , Froome permettendo.

Froome, voto 10 – Può essere un pò plateale ma quanto è forte sto ragazzo. E’ la rivelazione del Tour e dimostra di essere il più forte in salita. Un gregario coi contro-fiocchi, perchè pur avendo la possibilità di staccare tutti e vincere la tappa, aspetta sempre il suo capitano. La sensazione è che, nel momento in cui diverrà capitano di un team, non ce ne sarà per nessuno.

Nibali, voto 7,5 – Peccato Vincenzo, peccato. C’aveva sperato, provato, forse contato addirittura. Invece stavolta le gambe non hanno retto. Resta comunque un grande Tour per Nibali, l’unico ad opporsi al dominio Sky. Podio assicurato.

Van den Broeck, voto 8,5 – In una tappa del genere tutti si aspettano il Nibali o il Froome. Invece, è lui a tentare gli allunghi più significativi, facendo una spietata selezione e provando un improbabile sgambetto a Nibali per il podio. Chiude il Tour con un eccellente quarto posto.

Evans, voto 5 – Crisi nera ieri, come l’altro ieri. E’ il declino naturale di un campione che ha 36 anni. Alla carriera, voto 10.

 

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending