Davide Terraneo
No Comments

Wolfsburg-Inter, la vigilia: conferenze e probabili formazioni

Mancini chiede alla sua squadra di essere "copetera" e giocare con intelligenza. Hecking non sottovaluta i nerazzurri, pronto l'undici titolare

Wolfsburg-Inter, la vigilia: conferenze e probabili formazioni
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Wolfsburg-Inter è un crocevia fondamentale per entrambe le squadre. Il test degli ottavi di finale di Europa League contro i lupi, formazione temibile per la rosa estremamente competitiva e il cammino positivo in Bundesliga, può essere un momento di svolta per gli uomini di Mancini, che in campionato faticano ad ingranare la marcia. Per i tedeschi invece è l’occasione giusto per aggiungere ai propri trofei di caccia un altro blasone di lusso, dopo aver eliminato lo Sporting Lisbona. Le conferenze stampa dei due allenatori confermano il rispetto reciproco tra le società. Ecco le parole dei tecnici alla vigilia del match.

CONFERENZA STAMPA DI HECKING

Dietmar Hocking, allenatore del Wolfsburg

Dieter Hecking, allenatore del Wolfsburg

Un passo indietro rispetto alle dichiarazioni post sorteggio nelle parole di Dieter Hecking. Punzecchiato da una domanda, l’allenatore ha infatti precisato che “Chi commette l’errore di sottovalutare l’Inter, ha già perso”, proseguendo con un monito ai suoi uomini: “Saranno due partite molto difficili, anche se loro in campionato non stanno andando bene. L’Inter è una delle più grandi squadre a livello internazionale. Abbiamo il 50% di possibilità. Puntiamo a vincere, non mi preoccupa prendere gol perché a San Siro possiamo segnare.” Per quanto riguarda Dost, prima punta con una media realizzativa da far impallidire quasi tutti i top player, Hecking dichiara: “Sta vivendo una crescita entusiasmante. Domani sarà molto importante.” Ma come si batte l’Inter? “Ci serve tutto: concentrazione, ritmo, voglia di giocare. Così può funzionare. Per me un buon risultato è la vittoria. In trasferta possiamo sempre segnare una rete. Mi godo ogni partita internazionale. Partite come quella contro l’Inter piacciono a tutti. Non dovremmo parlare solo della loro difesa. Loro sono molto forti in attacco”. La conferenza sembra velare un ottimismo di fondo. Dopo la sparata di Nyon in merito agli avversari, la tattica della prudenza mediatica è fatta apposta per evitare distrazioni. Almeno così pare.

CONFERENZA STAMPA DI MANCINI

Impossibile evitare almeno una domanda sulla punzecchiatura del tecnico avversario, ma Mancini se la cava cercando di scansare polemiche: “I giocatori sanno che per passare il turno devono fare il massimo. Sul fatto che loro siano contenti di aver preso l’Inter, credo lo siano anche per il fatto che l’Inter è un grande club e per loro credo sia un onore che l’Inter sia qua”. Ciò che teme del Wolfsburg invece è il fatto che “E’ una squadra molto completa in tutti i reparti. Non ha grandi punti deboli, sarà una gara molto difficile. L’Inter dovrà essere quasi perfetta per fare un risultato molto positivo. E’ chiaro che saranno due partite e quindi dovremo tenere conto anche di questo”. Riguardo ai suoi uomini lo jesino annuncia: “Noi stiamo cercando la strada per il momento. Siamo migliorati e ci vorranno questi mesi da qua alla fine per migliorare ancora, in modo da poter lottare per il titolo il prossimo anno. E’ un turno difficile ma abbiamo le qualità per passare il turno”. 

Può bastare l’Inter vista a Napoli per portare a casa un risultato utile? “No non credo che basti l’Inter di Napoli, ci vuole un pezzo di Inter di tante partite. Dobbiamo essere intelligenti e cercare di concedere il meno possibile, sapendo che ci sarà un’altra partita. Dobbiamo ragionare molto e fare una partita molto attenta sul piano difensivo. Dobbiamo cercare di fare gol e sfruttare le possibilità, se ci verranno date”. Poi una piccola citazione di Boskov: “Speriamo che l’Inter sia una squadra copetera. Al sorteggio abbiamo preso una delle squadre più difficili, toccherà a noi cercare di ribaltare la situazione. Se vuoi arrivare in fondo, prima o poi devi affrontare tutte le squadre più forti e in due partite tutto può accadere”.

Un paio di domande sono state rivolte anche a Xherdan Shaqiri, nuovo acquisto e asso della nuova Inter di Mancini. Ma è inutile chiedergli che consigli darebbe al proprio tecnico: “Penso che il mister sappia cosa fare, poi le raccomandazioni posso darle su alcuni giocatori del Wolfsburg, soprattutto su giocatori svizzeri”. Riguardo ai tifosi avversari e all’atmosfera della Volkswagen Arena: Col Bayern abbiamo vinto qualche partita qui. La squadra è completa e si è rafforzata, vince spesso. Ci aspettiamo due gare difficili e complicate”.

PROBABILI FORMAZIONI

Wolfsburg (4-2-3-1): Benaglio; Jung, Naldo, Knoche, Rodriguez; Gustavo, Guilavogui; Vierinha, De Bruyne, Schurrle; Dost.   Allenatore: Hecking.

Inter (4-3-1-2): Handanovic; D’Ambrosio, Ranocchia, Juan Jesus, Santon; Kuzmanovic, Medel, Guarin; Shaqiri; Palacio, Icardi.    Allenatore: Mancini

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *