Manlio Mattaccini
No Comments

Serie B: la Top 11 della 30^ giornata

La difesa della capolista è insuperabile; si rivede Siligardi e il Livorno torna ai tre punti, mentre Cacia quando si ricorda di essere un bomber è letale

Serie B: la Top 11 della 30^ giornata
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Cinquantanove, dodici, dieci: no, non è un terno vincente al lotto, ma i numeri magici che potranno fare davvero la fortuna del Carpi. A dodici giornate dalla fine, con cinquantanove punti in saccoccia, un margine di dieci punti sulla terza può davvero diventare incolmabile. E se ci mettiamo in mezzo pure una difesa che non ha punti deboli, possiamo affermare che la lotta per la A diretta è riservata dal Bologna in giù. I felsinei fuori casa sono una corazzata: contro il Varese si riaccende la verve di Cacia per blindare la seconda piazza dalla concorrenza. L’Avellino vince il delicato derby del sud contro il Bari: risulterà decisivo l’apporto del proprio capitano, come del resto accade pure a Livorno con Luci che ridà colore alla panchina di Gelain. Il Catania è sempre con l’acqua alla gola ma presenta al calcio italiano un laterale dal sicuro avvenire, mentre il rigenerato Modena del duo Melotti-Pavan può trovare tranquillità grazie ad una gran fantasia nel tridente d’attacco. Scopriamo i Top!!

TOP 11

ZAPPINO (Frosinone) – Il suo apporto è determinante ma non serve ad evitare la sconfitta a Modena: in una giornata non esaltante per i suoi colleghi, il suo primo tempo è di assoluto livello

HEGAZY (Perugia) – Se Salah pare sia il “Messi d’Egitto”, già da qualche anno il suo soprannome è il Nesta del paese arabo. Non scendiamo nel merito dei paragoni: il difensore comunque in Umbria sembra essersi ritrovato e da qui a fine stagione può far molto bene

CLAITON (Crotone) – Il Trapani dall’addio di Mancosu è ben poca cosa, ma la salvezza dei pitagorici passa anche per una solidità all'”Ezio Scida”: difensore di affidamento per blindare la Cadetteria

ROMAGNOLI (Carpi) – Non è una novità per questa classifica, ma anche a Latina il centrale degli emiliani compie un paio di recuperi notevoli: sesta partita senza subire gol

MASUCCI (Entella) – Lascia Frosinone per contribuire alla salvezza dei liguri: autore di entrambi gli assist del gol, se gioca così l’Entella potrà salvarsi senza passare dai play out

D’ANGELO (Avellino) – Il cuore del capitano sblocca il delicato incontro con il Bari: lestissimo a ribadire in rete una violenta punizione di Zito non trattenuta da Guarna

DI GAUDIO (Carpi) – Quinto centro nel torneo: l’assenza prolungata di Mbakogu è stata metabolizzata a dovere, e per il centrocampista natìo di Palermo, alla sua quinta stagione in emilia, si sta profilando l’imminente ingresso nel grande calcio italico

MAZZOTTA (Catania) – Una delle poche note liete nella rivoluzione rossazzurra: deve migliorare nel coprire, ma offensivamente è imprendibile, e lo dimostra mettendoci lo zampino in entrambe le reti del Catania

GARRITANO (Modena) – Rigenerato dal cambio di panchina: il gol partita è facile da segnare, ma per tutta la durata del match è disseminatore di pericoli

CACIA (Bologna) – Se fosse più continuo, come i suoi compagni, il Bologna sarebbe a un tiro di schioppo dal Carpi. Non è così, ma la via per la A è ancora apertissima: doppietta a Varese, in attesa di miglior prestazioni anche in casa

SILIGARDI (Livorno) – Supera un periodo non felicissimo con una prestazione super: cross perfetto sul primo gol, gran botta dalla distanza per la rete del sorpasso, e la Ternana soccombe

Manlio Mattaccini

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *