Fulvio Fontana
No Comments

Bari, alla ricerca dell’identità perduta

Prima la fallita rivoluzione estiva con Mangia, poi l'arrivo di Nicola, non hanno ancora chiarito il ruolo dei galletti in questo campionato: la trasferta di Avellino arriva a proposito

Bari, alla ricerca dell’identità perduta
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Fc Bari 1908 facci vedere chi sei, avremmo potuto dire: sì, perchè la nuova creatura del Presidente Gianluca Paparesta è rimasta ad uno stato embrionale; squadra cambiata radicalmente nella campagna estiva, non tanto e non solo nei calciatori – molti della remuntada essendo rimasti – quanto nella dirigenza tecnica e nelle premesse tattiche che ne avevano permeato il gioco negli anni precedenti: via il 4-3-3, via il duo Alberti-Zavettieri, via Angelozzi, e dentro Mangia, discepolo sacchiano del 4-4-2 – poi abbandonato per un ritorno al modulo con i tre in attacco – dentro il nuovo ds Antonelli, nuovo spirito, nuovo logo, nuovo entusiasmo, undicimila abbonati (record stagionale per la B) e spazio a tanti sogni di gloria; l’apprendistato però nel calcio è duro e tante aspettative dopo dieci giornate sono naufragate: Mangia viene esonerato il 16 novembre scorso dopo la scoppola di Crotone (3-0), ultimo in classifica.

Davide Nicola, nuovo tecnico del Bari

Davide Nicola, tecnico del Bari

Al suo posto arriva Davide Nicola, ex Livorno, che crede in un calcio fatto di intensità e semplicità e ripropone il credo tattico che gli era sortito la promozione con i labronici, un 3-4-1-2, talvolta 3-5-2, con cui otterrà una media punti anche inferiore al suo predecessore, fino alla campagna di riparazione. A gennaio va via Sciaudone, emblema della rincorsa del campionato precedente, e arrivano tutti giocatori funzionali al modulo di Nicola e da lui espressamente richiesti (in realtà arrivano nuovi calciatori nei ruoli richiesti da Nicola, ma non esattamente quelli da lui proposti).

Il ritorno comincia con due pareggi, uno interno contro l’Entella – quando ancora mancavano i nuovi – e uno a Perugia. Poi arriva il sonante 4-0 contro il Frosinone e quando si sperava in una svolta, arrivano le batoste a Livorno (5-2) e in casa con il Vicenza (0-1). Nelle successive due gare ecco il Bari che non t’aspetti, con un – a furore di popolo- ritorno al 4-3-3 (ma i giocatori chiesti a gennaio non erano tagliati per un altro modulo?): due vittorie, interna con il Lanciano (2-0) e – dopo alcuni mesi di digiuno esterno – a Modena (0-1). L’uno a uno interno con il Catania è cronaca recente. Insomma un Bari che cambia pelle ogni due mesi, ischemico, altalenante, della serie ‘o tutto o niente’, che tradotto in numeri vuol dire essere, insieme a Crotone e ProVercelli, la squadra con il minor numero di pareggi (7 su 29): il resto 10 vittorie e 12 sconfitte. Questi numeri esprimono un’ossatura di squadra molto esile: si è cercato l’inizio di un nuovo ciclo, snaturando una filosofia – e forse un gruppo – a favore di qualcosa che tutto poteva dirsi tranne che qualcosa di amalgamato e fluido, piuttosto ne è venuta fuori una creatura ibrida e indistinta.

Ora il Bari è atteso al varco dall’Avellino, nella tana dei lupi: gara attesa anche dalle tifoserie, poco inclini alle effusioni. I biancorossi distano 5 punti dalla zona play-off e 4 dalla play-out. Ricercare un’identità vuol dire anche aver chiaro un obiettivo, se guardare in alto o mirare in basso. Battere una squadra tosta come quella di Rastelli vorrebbe dire vedere la meta, per poi poterla inseguire.

Fulvio Fontana

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *