Fulvio Fontana
No Comments

Toro, il goleador Glik promette amore a vita

Domenica con il Napoli, realizzando il suo sesto gol, ha definitivamente conquistato il ruolo di idolo della tifoseria e lui risponde: "Di qui non mi muovo"

Toro, il goleador Glik promette amore a vita
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

L’ultima al Napoli è la rete che forse rappresenta meglio la forza, l’agilità, l’intuito, l’astuzia di Kamil Glik: non una rete qualsiasi ma la sua sesta rete in campionato, realizzata anticipando l’avversario diretto su corner e spizzando la palla destinata nell’angolo con Andùjar a guardare; non uno stacco perentorio, non un atto di brutale superiorità tra giganti, ma un gol di un giocatore che a 27 anni, dall’alto del suo 1.90 e appena 80 chili, riesce a coniugare sapientemente destrezza e potenza, tanto da farne a tutti gli effetti una seconda punta aggiunta. In Europa Glik ha la migliore media realizzativa tra i difensori e una potenza offensiva pari, se non superiore, a molte seconde punte.

Un'incornata del Toro colpisce a morte il Napoli: 1-0 all'Olimpico

Glik promette amore al vita al Toro

Pupillo di Ventura, Glik ha cominciato a giocare nel nostro massimo campionato – con una certa continuità – appunto nel ‘secondo’ Bari del tecnico genovese, quello della retrocessione dei biancorossi: 17 partite, nessun gol, ma in una squadra dissestata da infamanti vicende extrasportive (fu il Bari dello 0-1 nel derby pilotato con il Lecce), Glik fece un’ottima impressione ma ritornò a Palermo, proprietario del cartellino. Nessuno in Sicilia gli dette credito e nel 2011-2012 passò in compartecipazione al Torino – proprio di mister Ventura – e lì è cominciata l’avventura granata del polacco: nella partita scorsa contro il Napoli il torinista ha toccato quota 122 presenze e 11 gol complessivi; dalla stagione 2013-2014 ha ottenuto la fascia di capitano ed è ormai, per grinta, carisma e anche gol, forse il calciatore più amato dai tifosi granata.

Non ci sorprende che Glik abbia dichiarato a TuttoSport che Torino è la città nella quale vuole continuare a giocare, che gli ha regalato l’emozione di essere capitano, nonché l’opportunità di giocare una competizione europea per la prima volta in carriera. Contratto per lui in scadenza a giugno 2017, ma valore di mercato decuplicato nel giro di 5 anni, e questo grazie al suo attuale allenatore, insieme mentore e scopritore. Parole di fedeltà alle quali crediamo, ma delle quali saremo più certi a fine stagione, con tanti club prestigiosi pronti ad acquistarlo e a ricoprirlo di denaro: per una volta vogliamo pensare che non contino solo logiche commerciali e di bilancio, ma anche la passione e l’amore per una maglia non qualsiasi, ma una maglia granata che gli ha dato forza, una maglia che in effetti gli sembra aderire come una seconda pelle.

Fulvio Fontana

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *