Fabio Pengo

Napoli bloccato dal Catania, Lazio vittoriosa al fotofinish. Le sintesi

Napoli bloccato dal Catania, Lazio vittoriosa al fotofinish. Le sintesi
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

NAPOLI, 25 MARZO 2012 – Quest’oggi Napoli e Lazio sono state protagoniste di una sfida a distanza per il terzo posto terminata con il sorpasso dei laziali nei confronti dei partenopei. I partenopei vanno in vantaggio di due reti ma si fanno rimontare dagli uomini di Montella. D’altraparte la Lazio nonostante l’impegno profuso non riesce a capitalizzare le varie occasioni prodotte.

NAPOLI – CATANIA: 2-2 Primo tempo in sordina per il Napoli che oltre al possesso palla produce solo due occasioni da gol con Hamsik prima con un colpo di testa e poi con una bordata messa in calcio d’angolo da Carrizo. I siciliani non riescono minimamente a impensierire i propri avversari vista la loro netta superiorità a centrocampo. Il secondo tempo invece regala molte più emozioni con i padroni di casa che partono con tuttaltro ritmo rispetto alla prima frazione di gioco. Al 61° minuto Dzemaili si batte Carrizo con un tiro dai 35 metri che si insacca nel sette. Sei minuti più tardi Cavani, in posizione dubbia batte l’estremo difensore del Catania firmando il 2-0. Sembra finita qui ma il Catania, dopo una partita quasi totalmente nella propria metà campo prima accorcia le distanze con Spolli poi agguanta il pareggio con Lanzafame all’ 85° minuto.

Napoli (3-4-3): De Sanctis; Campagnaro, Fernandez (68′ cannavaro), Aronica; Zuniga, Dzemaili, Gargano, Dossena; Hamsik (58′ Pandev), Lavezzi (76′ Inler), Cavani.

Catania (3-5-2):  Carrizo; Bellusci, Legrottaglie, Spolli, Marchese (72′ Llama); Izco, Lodi, Barrientos (79′ Ricchiuti), Almiron; Bergessio, Gomez ( 84′ Lanzafame).

LAZIO – CAGLIARI: 1-0 Per la Lazio inizio spumeggiante che schiaccia letteralmente i sardi costretti ad affidarsi alle parate di Agazzi e agli interventi decisivi della propria difesa. Gli uomini di Reja tentano più volte le conclusioni a rete che non centrano il bersaglio grosso. La formazione ospite non va oltre le due occasioni durante tutti i novanta minuti dando prova di una difficoltà nell’impostare il gioco sempre in mano ai padroni di casa. La svolta della partita si ha al minuto 88 quando da calcio d’angolo Ariaudo si perde Diakité che colpisce segna di testa.

Lazio (4-3-3): Marchetti, Konko, Diakité, Biava, Radu; Brocchi, Gonzalez, Ledesma; Mauri (45′ Kozak), Hernanes (79′ candreva), Rocchi (63′ Alfaro).

Cagliari (4-4-2): Agazzi; Pisano, Ariaudo, Astori, Agostini; Conti, Ekdal, Nainggolan, Cossu (79′ Nene); Pinilla, Ibarbo (62′ T. Ribeiro).

Fabio Pengo

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *