Fulvio Fontana
No Comments

F1 2015: il borsino dei favoriti

La Mercedes svetta, Williams, Ferrari e Red Bull a contendersi il podio

F1 2015: il borsino dei favoriti
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Dodici giorni separano squadre, piloti, addetti ai lavori e tifosi dall’inizio ufficiale della 66ª edizione del Mondiale di Formula Uno e ad ospitarne la partenza sarà l’Albert Park Circuit di Melbourne. Ma la stagione ha già avuto il suo abbrivio con la serie di test invernali, prima a Jerez e poi, in doppia sessione, a Barcellona, test che se non hanno chiarito tutto (tranne che per la Mercedes), hanno quantomeno delineato una mappa dei valori in pista nell’immediato futuro (tra parentesi la nostra percentuale di vittoria mondiale):

Lewis Hamilton, il più veloce nella terza giornata di test a Barcellona

Lewis Hamilton potrebbe bissare il successo dello scorso anno

Mercedes (Lewis HamiltonNico Rosberg) – Al di là dei numeri, tutti comunque dalla loro parte, emerge la consapevolezza di essere i più forti, della serie ‘vi lasciamo fare ma comandiamo noi’: infatti quando hanno voluto hanno spinto, forse neanche al massimo, e ottenuto i tempi migliori  di tutti i test (1.22.792 per Nico Rosberg, 1.23.022 per Lewis Hamilton); si aggiunga che anche quando non si è cercata la prestazione veloce, il long run con gomme medie (fino ad uno strepitoso 1.26.4 con le dure) ha dimostrato che la F1Wo6 è la macchina più veloce; in ultimo, ma non meno importante dettaglio, la scuderia tedesca è l’unica ad aver utilizzato per tutti i giri di test lo stesso motore! E allora per l’inizio australiano ed asiatico di mondiale, è bene rassegnarsi a guardare i due piloti lottare in famiglia, con Hamilton a nostro modo di vedere ancora con il ruolo di figlio prediletto. (50%)

Williams (Valtteri Bottas – Felipe Massa) – La FW37 ha convinto e non poco: il brasiliano ottiene come miglior tempo un ottimo 1.23.262, Bottas scende a 1.23.063: se dovessimo attenerci fedelmente alle classifiche cronometriche, e lo facciamo, è la seconda vettura più forte. Al di là dei tempi, convincono la tenuta sul long-run, il buon passo nei giri veloci con mescole medie, un assetto di squadra rodata che sa quello che vuole. Anche la miscela tra pilota esperto e giovane rampante sembra funzionare. (15%)

Red Bull Racing (Daniel Ricciardo – Daniil Kvjat) – La sensazione è che il team di Adrian Newey si sia un pò nascosto per quanto riguarda le velocità assolute (Ricciardo primo nel day 2 a Jerez ma con tempi alti), mentre sulla distanza è sembrato reggere bene la fatica. Affidabilità per ora garantita, piloti giovani e affamati; se in assetto da gara rosicchia qualche decimo potrà lottare per molti podi. (10%)

Scuderia Ferrari (Sebastian Vettel – Kimi Raikkonen) – Dopo Jerez forse ci si aspettava un pò di più dai tempi in Catalogna, ma è cercare il pelo nell’uovo. La macchina c’è, a differenza della scorsa stagione. La SF15-T è apparsa veloce e ‘tosta’. Il miglior tempo lo ha ottenuto Raikkonen con 1.23.276, Vettel, al contrario, non è andato oltre l’1.23.469. Con un Raikkonen tornato in pista con la tenacia di un ragazzino, e con Sebastian pronto a dimostrare la sua forza in un team nuovo e speciale, i tifosi del Cavallino potranno togliersi qualche soddisfazione. (10%)

McLaren Honda (Fernando Alonso – Jenson Button) – Si sapeva delle difficoltà ma non s’immaginava fino a tal punto: più box che pista, problemi di ogni tipo, velocità solo immaginata ed in più s’è messo anche l’incidente ad Alonso. Può solo migliorare. (5%)

Scuderia Toro Rosso (Max Verstappen – Carlos Sainz jr.) – Gradita sorpresa. Macchina da scoprire ancora ma per ora è piaciuta. Piloti entrambi esordienti e giovanissimi. (3%)

Sahara Force India (Sergio Pérez – Nico Hülkenberg) – Ha esordito lo scorso venerdì, macchina capace subito di accumulare tantissimi giri e chiudere più di una simulazione di gara. Inizio incoraggiante che desta fiducia. (2%)

Lotus F1 Team (Pastor Maldonado – Romain Grosjean) – Monoposto che parte bene ma gradualmente si smarrisce. In cerca di continuità. (2%)

Sauber F1 Team (Felipe Nasr – Marcus Ericsson) – Nasr stacca il tempo più veloce a Jerez, poi non si ripete. Ancora quasi tutto da decifrare. (2%)

Manor Marussia F1 Team (Will Stevens) – Monoposto nuova che ancora non ha debuttato. (1%)

Fulvio Fontana

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *