Orazio Rotunno
No Comments

Roma-Juventus è su Scherzi a Parte: o è tutto vero?

Dopo la farsa scesa in campo ieri sera, scenderanno in campo alle 20.45 Roma-Juventus per la sfida scudetto fra le due migliori compagini del calcio italiano

Roma-Juventus è su Scherzi a Parte: o è tutto vero?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Roma-Juventus si è giocata, oppure no? Strano ma vero, questo è il grande dilemma col quale il calcio italiano ed i suoi seguaci si sono risvegliati questa mattina aprendo le principali pagine dei quotidiani sportivi e non. In realtà si parla di un gol di Tevez su punizione ed uno di Keita deviato da Marchisio, sempre su punizione. Il partito di chi crede ad un semplice allenamento da calci piazzati cresce, sostenuto da un tabellino che alla voce tiri in porta trova solo quello di Vidal dopo oltre 50 minuti di gioco ed il primo della Roma di Manolas, ancora da punizione, dopo oltre un’ora di gioco.

Un’allenamento difesa contro attacco, come nelle più classiche delle sedute che qualsiasi scuola calcio organizza al giovedi sera prima del premio “partitella finale“. Che infatti c’è stata, gli ultimi venti minuti, con la Roma che ha tolto coni e cinesini dal rettangolo di gioco per giocare davvero a pallone. La Juve invece non è riuscita ad uscire mentalmente dalla sessione di training difensivo, annoiata a tal punto da sembrare svogliata anche negli ultimi minuti in vantaggio di gol e di un uomo: quasi rischiava di perderla, la partitella. Scherzi a Parte, Roma-Juventus è il meglio che oggi il calcio italiano può offrire, Malagò e chi governa l’intero sport italiano si starà augurando che la partita non abbia varcato i confini di Bolzano altrimenti è la fine. 24 ore prima si giocava Liverpool-City, strano a dirsi ma giocavano lo stesso sport. Persino Monaco-Psg di sabato sera aveva regalato maggiori palpiti: un Roma-Juventus che ha riportato alla mente le immagini drammatiche di un Chievo-Livorno di stagioni passate, quando i malcapitati radiocronisti dovettero commentare un qualcosa che aveva di tutto la parvenza, meno che di una partita di calcio. 50 minuti per un tiro in porta, 65 minuti per uno della Roma e senza l’espulsione di Torosidis nemmeno avremmo assistito alla partitella finale di 20 minuti, che ha svegliato dal torpore generale un Olimpico tanto pieno quanto inusualmente tiepido.

Benissimo così per i bianconeri, è stata la partita che voleva la Juve, non la Roma: Allegri ha fatto le prove generali per quel che accadrà al ritorno in Germania col Borussia Dortmund, dove però non basterà chiudersi in trincea aspettando un regalo avversario. La Roma non vince ancora, ma non perde nemmeno: allunga in modo insperato sulle inseguitrici, consapevole ormai che dovrà di qui in avanti più guardarsi dietro che in avanti. E in noi la speranza, ormai illusoria, che quella di ieri non sia stata davvero la sfida-scudetto fra Roma-Juventus ma solo l’ennesimo capolavoro di Marco Balestri in regia.

Roma-Juventus è su Scherzi a Parte: o è tutto vero?

@OrazioRonnye9

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *