Enrico Cunego
No Comments

Okaka ci mette lo zampino: la Samp passa a Bergamo

L'attaccante scuola Roma approfitta di un errore di Sportiello e regala il gol della rimonta ad una Sampdoria brutta nel primo tempo ma ottima nella ripresa

Okaka ci mette lo zampino: la Samp passa a Bergamo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Una rete di Stefano Okaka, che non segnava dall’8 dicembre scorso contro il Verona, permette alla Samp di raccogliere 3 punti preziosissimi nella difficile trasferta dell’ “Atleti Azzurri d’Italia” contro un’Atalanta ottima nel primo tempo ma calata sensibilmente nella ripresa. Effetto inverso invece per la squadra di Genova, che dopo dei primi 45′ estremamente deludenti ha saputo trasformarsi nella ripresa, dove sono andati in rete prima Luis Muriel e poi appunto Okaka. Grazie a questi 3 punti la Samp sale a 39 punti restando a contatto con la zona Europa League, mentre l’Atalanta rimane a 23, pericolosamente vicina alla zona retrocessione.

Guglielmo Stendardo, secondo gol stagionale per l' "avvocato"

Guglielmo Stendardo, suo il momentaneo 1-0

PRIMO TEMPO – 4-4-1-1 per l’Atalanta di Stefano Colantuono con Pinilla unica punta supportato da Baselli. Nella Samp, invece, pesano le assenze post-derby di Soriano, Obiang ed Eder, mentre in attacco ecco il tridente Muriel-Okaka-Eto’o. Pronti, via ed è subito l’Atalanta a controllare il gioco e gestire al meglio il possesso palla anche se il primo lampo è targato Samp con Muriel che costringe Sportiello a distendersi per deviare in angolo. Al 16′ ecco il gol che sblocca la gara: cross basso dalla sinistra di Dramè che attraversa l’area di rigore per trovare ben appostato sul secondo palo l’accorrente Stendardo, lesto ad insaccare di destro la rete che fa esultare lo stadio bergamasco. Grazie anche agli inserimenti ed alle accelerazioni di Emanuelson l’Atalanta continua a rendersi pericolosa, prima con una rovesciata di Bellini di poco fuori poi con una bella azione proprio del terzino olandese, che però di sinistro calcia malamente molto lontano dalla porta di Viviano. La Samp tenta di reagire ma li davanti il trio sembra molto spento per cui i pericolo per Sportiello sono pochi e ciò permette all’Atalanta di andare a riposo sull’1-0

SECONDO TEMPO – Negli spogliatoi un furente Mihajlovic da la sveglia ai suoi, che tornano sul terreno di gioco con tutt’altro piglio. La squadra appare più compatta ed ordinata in campo ed inoltre vi è una crescita esponenziale dei tre “musicanti” Muriel, Eto’o ed Okaka. Al 60′ occasione enorme per i blucerchiati che con il colpo di testa di Silvestre parato sulla linea dalla coscia di Cigarini sfiorano il vantaggio. Vantaggio che prova più volte a cercare Okaka, ripresosi completamente dopo un primo tempo mediocre e costantemente un pericolo per una difesa atalantina che ne soffre le continue accelerazioni. Ma ecco che al 68′ arriva il tanto agognato pareggio: gran combinazione Okaka-Muriel, col colombiano che spara un diagonale splendido che trafigge un incolpevole Sportiello. Seconda rete in maglia blu-cerchiata per l’attaccante sudamericano, già decisivo con la nuova maglia. 4 minuti dopo la Samp rischia nuovamente di tornare in svantaggio: lampo atalantino con Carmona che serve sulla sinistra  Denis, il cui destro a giro viene provvidenzialmente deviato in tuffo da Viviano. Ma è solo un episodio, perchè la Sampdoria continua a macinare gioco ed all’81′ arriva la rete del sorpasso: tiro di Eto’o con Sportiello che non trattiene il pallone in presa alta, nei paraggi c’è Okaka, che non perdona l’errore del portiere nerazzurro e spezza così un digiuno che durava ormai da quasi 3 mesi. Nel finale i doriani controllano i tentativi di reazione dei padroni di casa e tornano così alla vittoria dopo 5 giornate, mentre per l’Atalanta arriva il quarto ko consecutivo: ora la situazione si fa molto pesante.

TABELLINO E PAGELLE NUMERICHE:

Atalanta (4-4-1-1): Sportiello 5; Bellini 6, Benalouane 5,5, Stendardo 6,5, Dramé 6,5; Emanuelson 6, Cigarini 5,5, Carmona 6, Gomez 5,5 (82′ D’Alessandro SV); Baselli 5,5 (73’ Boakye SV); Pinilla 5 (65’ Denis 5). Allenatore: Stefano Colantuono 6

Sampdoria (4-3-3): Viviano 6,5; De Silvestri 6, Silvestre 6, Romagnoli 5,5, Regini 5,5; Duncan 6 (92′ Mesbah SV), Palombo 6, Acquah 6,5; Muriel 7 (78’ Correa SV), Okaka 7,5, Eto’o 6. Allenatore: Sinisa Mihajlovic 7

Arbitro: Antonio Damato sezione di Barletta

Reti: Stendardo 16’; Muriel 68’, Okaka 81’

Ammoniti: Stendardo, D’Alessandro; Regini, Viviano, Okaka, Eto’o

TOP&FLOP ATALANTA-SAMPDORIA 1-2

TOP

Okaka 7,5 – Il migliore. Non solo per il gol, bensì anche per la voglia e la caparbietà con cui cerca di spezzare un digiuno che ormai si faceva pesantissimo. Mihajlovic gli da fiducia anche dopo un primo tempo abbastanza anonimo, ma nella ripresa il giocatore si trasforma e diventa devastante per la difesa atalantina. Bravo ad essere nel punto giusto al momento giusto, l’attaccante scuola Roma con la prestazione di oggi lancia un chiaro messaggio a Sinisa: il protagonista sono ancora io

Muriel 7 – Ottimo anche il colombiano, che oltre alla rete fa tantissimo movimento e non da punti di riferimento alla retroguardia nero-azzurra. Bellissimo il destro che trafigge Sportiello, ottima la ripresa che cambia completamente il destino della gara. Siamo già al secondo gol in 4 presenze, davvero un buon inizio per l’ex Udinese

Stendardo 6,5 – Seconda rete stagionale per l’ “avvocato”, che grazie al suo inserimento sul cross di Dramè aveva illuso i bergamaschi. Oltre alla rete la sua grinta ed il suo impegno sono esemplari e per tutto il resto della partita cerca di guidare la propria retroguardia contro il tempibile attacco sampdoriano. Alla fine non riesce nell’intento, ma è sicuramente l’ultimo a mollare

FLOP

Sportiello 5 – Una buona partita per il portiere dell’Atalanta fino al minuto 81, quando quell’errore in presa alta su tiro di Eto’o condanna alla sconfitta i suoi. Purtroppo si tratta di uno sbaglio fin troppo evidente e la sua prestazione ne viene chiaramente danneggiata. Purtoppo oggi è arrivata la giornata storta, ma visto l’ottimo rendimento dell’estremo difensore siamo certi che saprà riscattarsi molto presto

Pinilla 5 – Prestazione decisamente negativa per il cileno, apparso come un pesce fuor d’acqua nel pomeriggio di Bergamo. Pochissimi palloni giocati ma anche poco movimento e così l’ex Genoa finisce per disputare una gara assolutamente anonima ed incolore

Romagnoli 5,5 – In occasione del gol si perde Stendardo e Mihajlovic va letteralmente su tutte le furie inveendo contro il giovane scuola Roma. In seguito riesce a riprendersi dall’errore, ma la sua disattenzione poteva costare tantissimo

Enrico Cunego

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *