Gianpiero Farina
No Comments

Torino, contro lo Zenit servirà un’altra impresa

Russi favoriti per il passaggio del turno ma la squadra di Ventura ha già dimostrato di saper ribaltare il pronostico

Torino, contro lo Zenit servirà un’altra impresa
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il giorno dopo la grande impresa di Bilbao non c’è molto spazio per i festeggiamenti in casa Torino. L’urna di Nyon è ancora una volta sfortunata per i granata che pescano lo Zenit San Pietroburgo. Quindi la squadra di Ventura dovrà ribaltare ancora una volta un pronostico che la vede sfavorita.Ecco il nostro borsino della qualificazione.

Villas Boas, allenatore dello Zenit, avversario del Torino negli ottavi di Europa League.

Villas Boas, allenatore dello Zenit, avversario del Torino negli ottavi di Europa League

ZENIT SAN PIETROBURGO 60% – Ovviamente i russi sono favoriti per qualità della rosa, dei singoli e anche per l’ abitudine a giocare a certi livelli. Capolista nel campionato nazionale con 41 punti in 17 partite, il migliore attacco e la miglior difesa, la squadra allenata da Villas Boas, ex Tottenham e Porto, con cui ha vinto proprio l’Europa League, ha in Hulk, Rondon, Witsel e Danny le sue punte di diamante. Giocatori pagati fior di milioni. Ma d’altronde lo Zenit è la società calcistica più ricca di Russia grazie al finanziatore Gazprom. Arrivano agli ottavi dopo essere usciti dal girone di Champions League per mano del Monaco e aver eliminato nei sedicesimi il PSV Eindhoven. E ora la sfida contro il Torino dove c’è un pronostico da rispettare e una strada verso la finale di Varsavia da continuare a percorrere.

TORINO 40% – I granata partono sfavoriti. Ma con il cuore, gli attributi, la grinta e la determinazione viste a Bilbao tutto è possibile. In più la squadra di Ventura ha davvero poco da perdere. Può giocare con la serenità di chi ha già scritto la storia e però non vuole smettere di scriverla. Il ritorno in casa può essere un vantaggio. Servirà una grandissima prestazione in trasferta, come quella di ieri sera. E alla squadra vista all’Estadio de San Mamès nulla è davvero precluso. Perché quando l’Europa ha chiamato, il Torino, per ora, ha sempre risposto alla grande. E vuole continuare a farlo. Sognare è lecito e i tifosi granata non vogliono più svegliarsi.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *