Gianpiero Farina
No Comments

Buffon, no alla panchina. Futuro da commentatore

Il portiere della Juventus e della Nazionale sceglie la TV

Buffon, no alla panchina. Futuro da commentatore
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Gianluigi Buffon non pensa ad un futuro da allenatore ma da commentatore. A dirlo, via Twitter, è stato lo stesso portiere della Juventus e della Nazionale italiana proprio alla vigilia della fondamentale sfida, in programma stasera, contro il Borussia Dortumnd , valida per gli ottavi di Champions League.

ZOFF E ZENGA ALLENATORI – Quindi il numero uno bianconero non seguirà le orme di illustri predecessori come Dino Zoff e Walter Zenga, passati da difendere i pali a guidare una squadra dalla panchina. A proposito di Dino Zoff, il vero obiettivo di Buffon per il momento è eguagliare il record di anzianità del campione del mondo a Spagna ’82. Parlare di futuro è una cosa che fanno un po’ tutti. E chissà se quel no alla panchina è davvero definitivo. Il contratto con la Juventus scade a giugno del 2017: due anni per decidere ,per riflettere e magari per cambiare anche idea.

Ilaria D'Amico, compagna di Buffon. E chissà che due in futuro non possano fare coppia in TV .

Ilaria D’Amico, compagna di Buffon. E chissà che i due in futuro non possano fare coppia in TV 

DA GALLI A CRESPO: IN QUANTI DAL CAMPO ALLA TV – Certo sono in tanti ad essere passati da essere protagonisti con le gambe, con i piedi e con la testa ad esserlo con la voce. Nello stesso ruolo di Buffon c’è Giovanni Galli, opinionista per Mediaset Premium. E nella stessa emittente ecco Stefano Fiore, Alessio Tacchinardi. Roberto Cravero e Sebino Nela. Ma come dimenticare Hernan Crespo e Paolo di Canio, di casa a Fox Sport E c’è chi, come Fabio Capello, CT della Nazionale russa, pur allenando non disdegna qualche esperienza da cronista. Certo parlando di Buffon il pensiero va immediatamente alla compagna Ilaria D’Amico. Che ci sia il suo zampino dietro questa decisione? Da coppia nella vita privata a coppia anche nella vita professionale. Ma prima c’è un finale di campionato da giocare e uno scudetto da confermare e soprattutto quel sogno chiamato Champions League da coronare. Meglio evitare distrazioni e pensare al presente. Per il futuro ci sarà tempo.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *