Roberto Cusimano
No Comments

Campionato Primavera, 17^ giornata: Fiorentina e Milan a valanga, rallenta il Bari

Le vette dei tre gironi rimangono invariate, tre gare sono state rinviate e la Roma può andare in testa

Campionato Primavera, 17^ giornata: Fiorentina e Milan a valanga, rallenta il Bari
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Torna il Campionato Primavera dopo le due settimane di stop dovute al Torneo di Viareggio, che ricordiamo è stato vinto dall’Inter. Nel week-end appena conclusosi si è giocata la diciassettesima giornata di campionato, le tre squadre in vetta ai rispettivi gironi e cioè Fiorentina (Girone A), Milan (Girone B) e Bari (Girone C) hanno mantenuto la loro posizione grazie a delle convincenti prestazioni che sono state tradotte in due larghe vittorie per quel che riguarda i viola e i rossoneri, un pari in trasferta per i galletti. Ma analizziamo nel dettaglio com’è andata nei tre gironi.

modena fiorentina

L’esultanza dei giovani viola dopo la vittoria a Modena

GIRONE A – Come detto la Fiorentina non ha avuto particolari problemi a vincere il suo match contro il Modena, i toscani hanno vinto con un netto 5-0, risultato messo in cassaforte già nel primo tempo e arrotondato nelle dimensioni nella ripresa così da non lasciare agli avversari nemmeno le briciole. Dietro di lei vittorie per Spezia (3-1 a Trapani) e Juventus (1-0 a Chiavari contro l’Entella). Le altre partite sono state Genoa – Pro Vercelli 0-2; Varese – Bologna 0-0; Parma – Carpi 1-0; rinviato invece il match clou della giornata tra Torino e Sampdoria per impraticabilità del campo. In classifica comandano i viola con 42 punti, seguono Spezia e Torino a 36, la Juve a 32 e la Sampdoria a 28. Nella parte bassa della classifica troviamo Trapani e Genoa con 13 punti, Modena 12 punti e Varese con 6.

 

milan primavera

I rossoneri sono reduci dal 7-2 contro il Pescara

GIRONE B – E’ il Milan a comandare saldamente la classifica del girone B e anche sabato ha dimostrato la sua forza battendo per 7 a 2 a Pescara i padroni di casa incappati in una giornata decisamente negativa. Primo tempo più equilibrato di quanto possa sembrare (terminato 1-2) nella ripresa i rossoneri hanno messo la quinta in tutti i sensi e hanno rifilato altre cinque reti agli abruzzesi. Il Chievo Verona, terzo, viene bloccato nel pari dal Cittadella (1-1), vince invece l‘Udinese contro le rondinelle del Brescia 2-1 e fa un balzo in classifica conquistando il quarto posto, Nelle altre gare Atalanta – Cesena 1-0; Sassuolo – H.Verona 2-2; Cagliari – Lanciano 1-0; rinviata al 21 marzo la gara tra Inter e Perugia per permettere ai nerazzurri di recuperare le forze dopo la vittoria del Viareggio. In classifica comanda il Milan con 43 punti davanti proprio ai cugini nerazzurri con 37 (e una gara in meno), più distanti Chievo e Udinese al terzo posto sono appaiate addirittura con 27 punti; nella parte bassa Cagliari e Perugia hanno 15 punti, Cittadella 12 e Lanciano appena 4 punti.

La sorpresa del Girone C: Il Bari allenato da Corrado Urbano

La sorpresa del Girone C: il Bari allenato da Corrado Urbano

GIRONE C – Il terzo girone è quello più sorprendente ed anche più equilibrato. A comandarlo è dopo diciassette gare ancora il Bari, nonostante questa settimana abbia rallentato la sua corsa pareggiando 1-1 sul campo dell’Empoli. I pugliesi erano pure passati in vantaggio ma sono stati raggiunti ad una manciata di minuti dal termine, mantenendo tuttavia l’imbattibilità lontano dal loro terreno di gioco. Vincono le inseguitrici, cioè Lazio (4-0 sul Frosinone), Catania (2-1 sul Vicenza) e Palermo (2-0 sul Livorno). Nelle altre gare Latina – Crotone 0-2; Ternana  – Napoli 1-2; per Roma – Avellino vale lo stesso discorso fatto prima sull’Inter solo che la gara si disputerà il 4 marzo. In classifica Bari in testa con 39 punti a +2 sui giallorossi che inseguono con 37, dietro Lazio 35 e Catania 31; nella parte bassa della classifica Ternana e Vicenza hanno 14 punti, 10 il Crotone e 6 l’Avellino.

Roberto Cusimano

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *