Enrico Cunego
No Comments

Nba, i risultati della notte: i Thunder passano a Charlotte, Toronto ko a Houston

5 gare giocate nella notte Nba dove si registrano le vittorie di Thunder, Rockets, Pelicans, Bulls e Clippers. Mattatore Westbrook con 33 punti a referto

Nba, i risultati della notte: i Thunder passano a Charlotte, Toronto ko a Houston
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

5 le gare giocate nella notte Nba, dove spiccano i successi esterni di Oklahoma City Thunder e New Orleans Pelicans in casa di Charlotte Hornets e Miami Heat, mentre Chicago Bulls, Los Angeles Clippers e Houston Rockets sconfiggono in casa rispettivamente Phoenix Suns, Sacramento Kings e Toronto Raptors. Andiamo ad analizzare gli incontri.

SEMPRE WESTBROOK – Si trattava della prima gara post-All Star Game per Oklahoma e per l’MVP  Russell Westbrook. Lo straordinario periodo di forma del numero 0 continua in quel di Charlotte, dove il buon Russell infila l’ennesima doppia-doppia stagionale: 33 punti e 10 assist che permetto ai Thunder di schiantare la resistenza degli Hornets, dove si mostra già decisivo il nuovo arrivato Mo Williams, anch’egli autore di un importante doppia-doppia (24 punti e 12 assist). A Charlotte non bastano i 20 punti con 12 rimbalzi di Al Jefferson, anche perchè si inserisce subito al meglio un altro neo-acquisto, Ilyas Kanter, subito decisivo con 10 punti e 13 rimbalzi che contribuiscono alla vittoria di OKC per 103-110.  Più forti degli infortuni, invece, i New Orleans Pelicans, che contro i Miami Heat perdono dopo 8′ Anthony Davis (problemi alla spalla e Ryan Anderson nel secondo quarto (Chalmers appoggia maldestramente il piede sulla caviglia destra dell’avversario). Nonostante ciò i Pelicans passano in Florida 91-105, grazie ad un Eric Gordon da 24 punti di cui 16 nel solo terzo quarto, quello decisivo in cui New Orleans stacca Miami, nelle cui fila debutta un Goran Dragic da 12 punti e 4 assist. Molto bene anche Chicago, che sconfigge in casa 112-107 i Phoenix Suns. Mvp della serata è Pau Gasol, che sigla 22 punti e 14 rimbalzi in una gara sostanzialmente ben controllata dai Bulls, che però nel finale rischiano l’over-time a causa di una tripla sbagliata da Bledsoe. I Bulls sono guidati anche dai 19 punti di Butler e dai 16 con 5 assist di Derrick Rose, mentre per Phoenix a poco servono i 20 di Tucker.

28 punti di Austin Rivers nella vittoria dei Clippers

28 punti di Austin Rivers nella vittoria dei Clippers

RIVERS JR DECISIVO – Doc Rivers ripone molta fiducia nel figlio Austin ed i risultati gli danno ragione: i Los Angeles Clippers abbattono 127-99 i Sacramento Kings ed il figlio è il miglior marcatore con 28 punti, di cui 15 provenienti da triple. Privi di Blake Griffin, i Clippers si esaltano comunque e dominano gli avversari anche grazie ai punti di altri “comprimari”: 24 per JJ Redick, 23 con 6 assist per Jamal Crawford. Kings ancora disastrosi in difesa, nulla da fare per DeMarcus Cousins (21 punti) ed Omri Casspi (11 con 17 rimbalzi). Infine bella vittoria per gli Houston Rockets, che regolano 98-76 i Toronto Raptors al Toyota Center. Sugli scudi Corew Brewer, autore di 26 punti e 10 rimbalzi ben supportati dai 20 con 7 assist dell’immancabile James Harden. Toronto paga una scarsa precisione al tiro ed il solo James Johnson (27 punti, 10/16 al tiro) non può bastare.

Enrico Cunego

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *