Jacopo Bertone
No Comments

E’ una Juve a tinte opache: le ragioni del calo

La prima in classifica incassa un'altra vittoria, ma è ufficialmente registrare un notevole calo nella qualità del gioco espresso dagli uomini di Allegri: che succede alla Juve?

E’ una Juve a tinte opache: le ragioni del calo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

All’indomani della sofferta vittoria ai danni dell’Atalanta, la Juventus tira il fiato e si gode il +10 sulla Roma, però qualche dubbio offusca la mente della Vecchia Signora: la partita con il Dortmund incombe e se da una parte gli uomini di Klopp sono nel migliore momento della stagione, dall’altra i bianconeri hanno recentemente offerto prestazioni al di sotto della media, non farebbe schifo capire il perchè…

La Juventus di Allegri sfida il Cagliari

Max Allegri, lo attendono giornate importanti in cui servirà la sua proverbiale grinta

LE CAUSE – Stabilire dall’esterno quali possono essere gli ipotetici problemi che affliggono mente, fisico e (per chi ce l’ha ancora) anima di una squadra di calcio è una pratica pericolosa, troppo alto il rischio di sciorinare un listone di falsità facendosi magari trascinare da quel vento di polemica che soffia incessantemente dalla punta del Monte Bianco fino a Pantelleria, tuttavia ci sono dei riscontri oggettivi che permettono di fare qualche considerazione : gli infortuni che soprattutto nei primi mesi di stagione hanno falcidiato le seconde e le terze linee della Juve hanno imposto ai titolarissimi uno sforzo ulteriore e imprevisto, il quale sta all’origine sia del periodo d’oro degli uomini di Allegri sia del loro attuale calo, un pegno inevitabile dal momento che in campo scendono essere viventi a base di carbonio e non semi-dei. A tutto ciò si aggiungono i pesanti carichi di lavoro a cui il tecnico di Livorno ha sottoposto i “rahazzi” nelle scorse settimane, una mossa rischiosa che garantirà sicuramente qualche oncia di brillantezza in più a Maggio, ma che adesso potrebbe giocare qualche brutto scherzo a Pirlo & Co , attesi da una serie di partite importanti come le due contro il Borussia, la trasferta all’Olimpico e il duello con la Fiorentina in Coppa Italia; match decisivi per la stagione juventina, così come decisivo è/dovrebbe essere il giocatore che più di tutti sta veramente mancando a questa squadra, parliamo di Arturo Vidal che il più delle volte non c’è e quando c’è non sembrano accorgersene in molti. Le difficoltà del cileno sono sotto gli occhi di tutti, il ginocchio fa sicuramente malissimo però è palese anche il disagio psicologico di un uomo abituato ad essere infallibile che si sta riscoprendo più vulnerabile del previsto, urge un suo recupero il prima possibile perchè Pogba è forte ma non (ancora) abbastanza per tutti e due. E’ un momento opaco, la Juve è un gruppo tosto che ne ha già passate tante e non c’è motivo di allarmarsi più di tanto, però saranno settimane importanti e dopo di esse si potrà iniziare a tirare le somme e azzardare perfino qualche paragone con il triennio di Conte, per la felicità della predetta brezza tricolore…

Jacopo Bertone (@JackSpartan92)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *