Kevin Brunetti
No Comments

Nba trade deadline: capolavoro Thunder, fuori Perkins dentro Kanter, Dragic va a Miami

Deadline Nba che definire frenetica sarebbe riduttivo: cambiano infatti casacca Dragic, Kanter, Thomas, MCW, Garnett, Knight, Perkins, Cole e molti altri

Nba trade deadline: capolavoro Thunder, fuori Perkins dentro Kanter, Dragic va a Miami
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

L’ultima giornata di trade in Nba è stata a dir poco infuocata, sono molti i giocatori di primo livello che hanno cambiato casacca, e di conseguenza sono molte le squadre che ne sono uscite con gli obiettivi rivoluzionati. Su tutte Miami che con l’acquisto di Dragic deve centrare i Playoff, poi Phoenix che perdendo Isaiah Thomas e lo stesso Dragic rischia di restare fuori dalle top 8 nonostante l’acquisto di Knight, infine Oklahoma City che con Kanter ha trovato il centro di cui aveva disperatamente bisogno per recuperare i Suns e guadagnarsi un piazzamento valido per i Playoff Nba.

La trade deadline Nba riporta a casa Kevin Garnett, alquanto discutibile però la convenienza dello scambio per i Timberwolves

La trade deadline Nba riporta a casa Kevin Garnett, alquanto discutibile però la convenienza dello scambio per i Timberwolves

CAPOLAVORI E FOLLIE – Nell’ultima giornata di trade, come detto, sono stati messi a segni diversi ottimi colpi, ma oltre a questi non potevano mancare le sonore stupidaggini. Tra tutte le trade concluse puntiamo il dito su quella tra Nets e Timberwolves, molto romantico il ritorno di Garnett a Minnesota, un po’ meno se consideriamo che arriva a 39 anni in uno scambio secco con Thaddeus Young (26). Difficile trovare un senso anche allo scambio che ha portato a Philadelphia Isaiah Canaan dai Rockets, a Houston va infatti quello che probabilmente è la “steal” dell’ultimo Draft: KJ McDaniels mentre i Sixers si prendono anche una seconda scelta. Difficile da capire anche la mossa che ha portato Isaiah Thomas a Boston, con Dragic appena ceduto sembrava scontato che i Suns avrebbero puntato forte su Thomas… Invece no, scambio con i Celtics con Thornton che arriva ai Suns. Tutto questo per concludere la trade a tre con Milwaukee e Phila che ha visto Michael Carter-Williams finire ai Bucks assieme a Miles Plumlee e Tyler Ennis, con Brandon Knight ai Suns e una prima scelta 2015 (protetta) ai Sixers. Sixers che prendono l’ennesimo lungo acquistando anche McGee (forse sarà tagliato) e prendono una prima scelta 2015 da Denver (protetta) cedendo ai Nuggets i diritti di Cenk Aykol.

COLPI – Molti però anche gli ottimi affari conclusi sulla deadline: Oklahoma City con Enes Kanter prende il centro che mancava da tempo, assieme a lui vanno ai Thunder Dj Augustin, Kyle Singler e Steve Novak, mentre i Pistons rimpiazzano Jennings infortunato con Reggie Jackson e ai Jazz vanno Kendrick Perkins, Grant Jerrett, una prima scelta 2017 dai Thunder (protetta) e una seconda scelta 2017 dai Pistons. Jazz che sembrano perderci ma in realtà adesso senza Kanter possono dare un meritatissimo spazio in quintetto al gioiellino Gobert. Ottimi colpi anche per Blazers e Heat, i primi prendono Aaron Afflalo per una scelta 2016 (protetta), Robinson, Barton e Claver, i secondi concludono lo scambio che porta agli Heat Goran Dragic. Insieme a Goran a Miami va anche il fratello Zoran mentre i Suns guadagnano una prima scelta 2017 e una 2019 oltre a Danny Granger, John Salmons e Justin Hamilton, ai Pelicans invece vanno Norris Cole e Shawne Williams. Infine citiamo la trade che porta Tayshaun Prince di nuovo a Detroit, a Boston vanno Jonas Jerebko ma soprattutto il nostro Gigi Datome. Sperando che gli venga data un’occasione, per il momento, e oggi più che mai: #FinallyFreeGigi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *