Enrico Steidler
No Comments

Sacchi razzista, Ancelotti fascista: quando il titolo conta più della verità

Le disavventure di Sacchi e Ancelotti la dicono lunga sul giornalismo italiano...

Sacchi razzista, Ancelotti fascista: quando il titolo conta più della verità
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Chi si ferma è perduto. Datevi all’ippica. Meglio vivere un giorno da leone che cento anni da pecora. O con noi o contro di noi. Lo sapevate che questi modi di dire, usatissimi e all’apparenza innocui, sono in realtà dei terribili slogan fascisti? E che se vi sfuggono in pubblico possono guadagnarvi la patente di “nostalgico” anche se siete radicali da una vita? No? Sapevatelo allora, perchè il nemico vi ascolta, e quindi tacete. Oppure parlate, se proprio non riuscite a trattenervi, ma ricordatevi di farlo come si deve, come piace alla gente che piace: chi si ferma è diversamente veloce, datevi al curling, meglio vivere un giorno da Renzi che cento anni da Berlu e così via. C’est plus correct.

Arrigo Sacchi

Arrigo Sacchi

Questione di buone maniere, insomma, e di quieto vivere. Carlo Ancelotti, ad esempio, queste cose non le sa (forse…), e ora è finito nell’occhio del ciclone per aver manifestato la sua solidarietà al “maestro” di Fusignano in termini a dir poco sospetti. “Saluto Arrigo Sacchi: molti nemici, molto onore, ha detto l’allievo ai microfoni di Mediaset alludendo alle disavventure dell’ex ct. Non l’avesse mai fatto! Ecco il fascista che difende il razzista tuona una parte – benevolmente amplificata dai media – del web (molti nemici, molto onore, infatti, è uno slogan che risale al paleolitico ma è proprio durante il Ventennio che conobbe i suoi tempi migliori): “Sembra uno scherzo, è tutto vero”...commenta affranto un lettore; “Ora aspettiamo Zaccheroni per invadere la Polonia” osserva un altro con sarcasmo.

E i giornali che fanno? Titolano, e con ciò sentenziano. Facciamo qualche esempio: Ancelotti difende Sacchi ma cita uno slogan fascista (La Stampa, sulla quale persino Massimo Gramellini si accoda ai fustigatori di Arrigo); Ancelotti difende Sacchi in maniera fascista (Goal.com); Razzismo: Ancelotti difende Sacchi, e monta la protesta sui social (Ansa); Razzismo: Ancelotti sta con Sacchi: “molti nemici, molto onore” (Sport Mediaset). Parole chiave: Ancelotti difende; slogan; fascismo; razzismo. Contenuti: scarsi, talora copia-incollati, politicamente corretti. Morale: noi tiriamo dritto.

A proposito: ma è vero che Sacchi è razzista e Ancelotti è un fascistone? Certo che no, ma me ne frego!

Enrico Steidler

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *