Matteo Masum
No Comments

Courtois re al Parco dei Principi: il belga è tra i migliori al mondo

Josè Mourinho lo consacra:" Contro il Psg ci ha salvato il portiere". Ed i margini di miglioramento sono esponenziali

Courtois re al Parco dei Principi: il belga è tra i migliori al mondo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Courtois impegnato in una parata, quando ancora vestiva la maglia dell'Atletico Madrid

Courtois impegnato in una parata, quando ancora vestiva la maglia dell’Atletico Madrid

Nella super sfida di ieri tra Psg e Chelsea il vero, grande protagonista, è stato Thibaut Courtois. Josè Mourinho, uno che in fatto di Ego non è secondo a nessuno, ha dovuto ammettere che l’estremo difensore belga è stato decisivo per consentire ai Blues di coltivare ancora speranze di qualificazione, anzi, ora più vicina grazie proprio alle parate dell’ex Atletico Madrid. Un riconoscimento importante.

TRA I MIGLIORI AL MONDO- Non era necessario attendere il match di ieri, però la prestazione al Parco dei Principi, unita alle parole dello Special One, rappresentano una sorta di definitiva consacrazione. Thibaut Courtois è uno dei portieri migliori al mondo, forse il migliore. A parere di chi scrive, il belga non ha eguali, ma, anche senza voler esprimere un giudizio tanto netto, chiunque potrà sostenere che, insieme a Neuer, al grande De Gea di questa stagione e forse al sempreverde Buffon, il portiere del Chelsea si gioca un posto nel podio dei più forti.

DECISIVO- Una caratteristica fondamentale che segna il confine tra un ottimo portiere ed un fenomeno è quella di essere decisivo non nella singola partita, ma nell’arco di una stagione. Courtois ha dimostrato, e continua a dimostrare, di avere questa abilità. Ieri è stato fantastico in più di un’occasione, ma non è la prima volta che il belga salva la porta del Chelsea. Anche una parata, in un momento importante di una partita magari vinta poi per 4-0, può risultare determinante. E Courtois, fin qui, ha sempre risposto presente quando chiamato in causa. E si tratta di una conferma, perchè lo scorso anno, con l’Atletico Madrid, è stato uno dei grandi protagonisti della stagione dei Colchoneros, al pari dei vari Diego Costa, Koke, Arda Turan, Godin e compagnia cantando.

IL FUTURO- L’aspetto più interessante, tuttavia, riguarda l’età. Courtois, infatti, è un classe ’92, e dunque ha davvero tanti anni davanti a sè, ad alto livello, e dei margini di miglioramente esponenziali. A 23 anni (non ancora compiuti) un portiere non ha affatto raggiunto il top. Buffon, alla stessa età, giocava nel Parma (ovviamente il Parma di Tanzi), ed era considerato un grande interprete dei pali, ma nessuno poteva immaginare quali livelli avrebbe poi raggiunto. Per Courtois il discorso è lo stesso. Il belga ha un presente fantastico davanti a sè, ed un futuro leggendario. Anche Josè Mourinho è pronto a scommetterci.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *