Giuseppe Landi
No Comments

Milan, Berlusconi sale sulla Mini di Mister B(ean)

Silvio non lascia il club rossonero, ed è pronto a riportarlo in alto grazie ad un broker thailandese

Milan, Berlusconi sale sulla Mini di Mister B(ean)
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

“Sono in corso delle interlocuzioni cordiali e private con rappresentanti del gruppo AC Milan”. Sono le ultime parole di Bee Taechaubol, broker thailandese interessato all’acquisizione del club rossonero. Mister B dichiara inoltre, di non aver mai rilasciato interviste a giornali del suo Paese, e che quindi le notizie circolanti fino alla mattinata di martedì sono soltanto invenzioni giornalistiche.

Berlusconi, presidente del Milan

Silvio Berlusconi, presidente del Milan

MISTER B C’E’ GIA’ – Al Milan servirebbero certamente nuovi fondi per rivoluzionare l’assetto societario e rinforzare la rosa di giocatori. Ma un nuovo patron asiatico, riuscirebbe davvero a fare il bene dei rossoneri, riportando il club sul tetto del mondo? Berlusconi è diffidente, perché tutto vorrebbe fuorché vedere il Milan ancor più in basso. L’ideale sarebbe quindi cedere il 30-40% del club, con la maggioranza che resterebbe così a chi ha fatto del club rossonero il più titolato al mondo, almeno fino allo scorso anno. Entrate che permetterebbero al Milan di investire sui diversi settori nei prossimi anni, tenendo conto anche delle fortune che potrebbe portare lo stadio di proprietà.

MISTER B O MR. BEAN? – Oggi sono sempre più gli imprenditori asiatici, arabi, russi che fanno il loro ingresso nel mondo del calcio acquisendo un club. C’è chi ha portato le società a livelli mondiali, chi invece ha deciso da un giorno all’altro di non spendere più un rublo, mettendo anche in vendita i giocatori per poter riprendersi quanto investito nei mesi precedenti. Vengono subito in mente i casi Malaga e Anzhi, con Al Thani e Kerimov che hanno prima illuso i tifosi spendendo cifre da capogiro nelle sessioni di mercato successive al loro arrivo, per poi ritirarsi e lasciando i rispettivi club in bancarotta. Bee Taechaubol quindi, più che Mister B, potrebbe rappresentare uno dei tanti Mr. Bean, personaggi cabarettistici in grado di fare spettacolo per il solo scopo di salire agli onori della cronaca.

Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio. Berlusconi lo sa, e pensa a rifare grande il Milan. Con i soldi di Mr. Bean.

Giuseppe Landi (@PepLandi)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *