Raul Parrella
No Comments

Siviglia: obiettivo Champions, ma attenzione al Valencia

Nella Liga Siviglia e Valencia si contendono un posto nella prossima Champions League

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Dopo le due sconfitte consecutive contro il Real Madrid e il Getafe per il Siviglia era ora di ripartire con una vittoria per acciuffare quel posto in Champions League che per ora è occupato dal Valencia. Ma una con una serie di risultati positivi, che il calendario permette di incanalare e riuscendo a vincere qualche scontro diretto una tra Siviglia e Valencia potrebbe addirittura ambire a qualcosa di più

IL SIVIGLIA E I TEMPI DI GLORIA – Per ricordare i tifosi del Siviglia felici non bisogna tornare troppo indietro nel tempo ma basta guardare all’ultima Europa League, che vede vincitori gli spagnoli contro i portoghesi “maledetti” del Benfica. E bisogna dire che in campo europeo il Siviglia non ha mai sfigurato, tenendo conto che nell’anno 2000/2001 vinceva il campionato di Segunda Division è riuscita a vincere ben tre titoli minori europei (la vecchia Coppa Uefa). E anche vero però, che l’ultimo campionato vinto risale al lontano 1945, non proprio poco tempo fa. Quest’anno però vorrebbero puntare ad una qualificazione per la Champions League e nonostante le due sconfitte nelle ultime tre partite ha solo due punti di distacco dal Valencia.

Una delle contendenti al quarto posto in Liga, Il Valencia.

Una delle contendenti al quarto posto in Liga, il Valencia

QUARTO POSTO O ANCHE DI PIU’ – Bisogna dire che il calcio è strano e i punti di distacco dall’Atletico Madrid, terzo in questo momento, sono  cinque mentre per il Valencia sono solamente tre. Certo, la squadra di Simeone è sicuramente di un altro livello ma niente è impossibile. Chissà forse una tra Siviglia e Valencia può sperare addirittura di qualificarsi per l’Europa dei grandi addirittura saltando la fase di qualificazione ma questi sono discorsi che solo con i risultati si possono confermare e senza dubbio per riuscire a farlo non bisogna commettere passi falsi e tenere il fiato sul collo all’Atletico stando sempre attenti  alle inseguitrici.

Raul Parrella (@RaulParrella)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *