Fulvio Fontana
No Comments

Serie B, 26^ giornata: il Crotone sfiora il colpaccio. Catania, addio sogni di gloria?

Gara tutta in salita per gli etnei che recuperano solo nel finale e rimangono a ridosso dei play-out

Serie B, 26^ giornata: il Crotone sfiora il colpaccio. Catania, addio sogni di gloria?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

A un passo dalla vittoria, il Crotone di Drago si fa beffare da un Catania che ha avuto molte opportunità per pareggiare, ma che è parso meno lucido di altre gare e che sciupa una buona occasione per recuperare il terreno perso nel girone d’andata. Catania che sale a quota 28 (con una partita da recuperare), Crotone sempre ultimo a 25 punti.

Il tecnico etneo recupera Schiavi al centro della difesa e manda in campo (4-3-1-2) Gillet tra i pali, Belmonte, Schiavi, Ceccarelli e Mazzotta a formare la linea difensiva, Sciaudone, Coppola e Rinaudo in mezzo al  campo, Calaiò e Maniero punte con Rosina a supporto. Per Drago confermato il 4-3-3 con Balasa, Claiton, Gigli e Martella a protezione del recuperato Cordaz, sulla linea centrale Matute, Suciu e Maiello, trio offensivo con Torregrossa, Stoian e Dezi. Dirige Sacchi di Ravenna.

LA CRONACA – Partenza a razzo per gli ospiti che gelano il Massimino con un’incornata di Torregrossa sugli sviluppi di un corner: è il quarto minuto e a sorpresa passa in vantaggio il Crotone. Insistono gli ospiti che approfittano dello spaesamento degli etnei e si spingono più volte in area avversaria. Il Catania si sveglia e al 16′ sfiora il pari con Sciaudone che in piena area colpisce a botta sicura ma la palla si stampa sulla traversa; ancora l’ex barese quattro minuti più tardi costringe Cordaz ad un grande intervento in corner: sugli sviluppi dell’angolo potreste del Catania per un presunto contatto Gigli-Maniero ma Sacchi lascia correre; la prima frazione si chiude con un’altra grande parata di Cordaz al minuto 34 su deviazione a pochi passi di Schiavi e con un’altra clamorosa traversa al 40′ colpita da Maniero di testa perfettamente imbeccato da Mazzotta. Ripresa con il Catania a fare la partita ma con un Crotone coriaceo che argina quasi tutte le iniziative avversarie. Marcolin ci prova con i cambi e al 63′ sostituisce Maniero con Castro, ma affiora la stanchezza per i padroni di casa che sono meno incisivi del primo tempo. All’89’, a giochi quasi fatti, ingenuità di Siciu che si fa ammonire per la seconda volta e viene espulso. Tre minuti dopo il Catania pareggia: su un corner svetta più in alto di tutti proprio il neoentrato Castro che batte Cordaz e ottiene un ormai insperato pareggio per gli etnei. Manca pochissimo perchè possa succedere altro: Catania e Crotone finisce in parità 1 a 1.

Fulvio Fontana

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *