Connect with us

Focus

Tutti contro Tavecchio

Pubblicato

|

Il calcio è in buone mani...

“Opti Pobà è venuto qua che prima mangiava le banane e adesso gioca titolare nella Lazio”. Sicuramente è da quando ha pronunciato questa frase, che gli è costata 6 mesi di sospensione da parte della Fifa, che Carlo Tavecchio è nell’occhio del ciclone ed è sempre al centro di numerose discussioni e polemiche. Alla lunga lista dei suoi critici si sono aggiunti il capitano del Parma Lucarelli e il numero uno dell’AIA Nicchi.

Il capitano del Parma Lucarelli si è scagliato contro Tavecchio e il sistema calcio.

Il capitano del Parma Lucarelli si è scagliato contro Tavecchio e il sistema calcio.

LUCARELLI – “Il rosso di Galloppa rispecchia la nostra stagione: i deboli vengono calpestati, in Italia funziona così. Nessuno si interessa del Parma, la Lega dov’è? Tavecchio dov’è? Chiamano le piccole squadre per prendere i voti quando devono prendersi le poltrone, ma quando abbiamo bisogno dove sono? È da giugno che siamo stati lasciati soli, una situazione che penalizza i tifosi in primis, e poi noi che dobbiamo finire un campionato che ha del ridicolo in questo momento. Ci rimane solo la matematica”. Parole dure quelle del capitano gialloblù, frutto dei problemi societari, del momento difficile della squadra e della situazione di classifica disperata. Ma il riferimento alle presunte colpe e responsabilità del sistema e di chi lo rappresenta e lo governa come il presidente della FIGC Tavecchio è chiaro ed evidente.

NICCHI – Dopo le polemiche arbitrali in seguito a Lazio-Genoa, il presidente dei biancocelesti Claudio Lotito ha richiesto il sorteggio integrale. E ovviamente Carlo Tavecchio si è schierato dalla parte del suo principale sostenitore. Ma Nicchi, presidente dell’AIA, non ci sta e tuona: “Non se ne parla! Decidiamo noi arbitri e non si discute! Dimenticano cosa accadde con le griglie. Avevamo fatto bene a votare Albertini”. Dichiarazioni che non lasciano alcun dubbio sullo scontro tra vertici arbitrali e vertici federali e che fanno capire che la lista dei critici di Tavecchio probabilmente è destinata ad allungarsi.

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending