Matteo Masum
No Comments

Serie A, la top 11 della 22esima giornata

Difensori goleador come Pasqual o Zappacosta ed attaccanti immarcabili come Perotti o Gabbiadini nella top 11 della giornata appena trascorsa

Serie A, la top 11 della 22esima giornata
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Guarin e Icardi, protagonisti della top 11 della 22esima giornata di Serie A

Guarin e Icardi, protagonisti della top 11 della 22esima giornata di Serie A

Manca ancora una partita per concludere il programma della 22esima giornata di Serie A, quella che si disputerà domani, alle ore 18.00, tra Parma e Chievo. Vi proponiamo comunque la top 11 della giornata appena trascorsa (non ce ne vogliano i giocatori che scenderanno in campo domani al Tardini), schierata con un classico 4-3-3.

DE SANCTIS- La Roma soffre anche a Cagliari, da morire nel secondo tempo. Lui è bravo, bravissimo, per ben due volte a disinnescare i tentativi di un Cop scatenato ma impreciso. Il gol subito nel finale non macchia la sua prestazione ottima.

ZAPPACOSTA- Le voci di mercato ad inizio stagione lo hanno un po’ condizionato, ma al riparo, sotto l’ala protettiva del sapiente Colantuono, sta ora mettendo in mostra tutte le sue qualità. Un altro gol, il quarto in stagione, ed un’altra prova superba.

BONUCCI- Segna solo gol importanti (Roma e Milan ne sanno qualcosa), ma dietro è sempre insuperabile. L’attacco rossonero, sabato, al suo cospetto, è sembrato davvero nullo.

IZZO- Candreva, Klose, Mauri sono tutti clienti pericolosi, ma lui li contrasta con la sfrontatezza tipica della sua età, senza alcun timore reverenziale. Una piacevole conferma.

PASQUAL- Come Zappacosta, un inizio un po’ a singhiozzo, ma ora si sta riprendendo tutto. A cominciare dalla fascia mancina della Fiorentina, dove fa quello che vuole, compreso segnare il gol decisivo contro l’Atalanta.

GUARIN- E’ così, e non si può fare nulla per cambiarlo. A volte è irritante fino all’insulto, altre volte devastante fino all’insulto (sì, ma da parte degli avversari). Contro il Palermo abbiamo visto la seconda versione, che ai tifosi nerazzurri piace molto di più.

VALDIFIORI- Sempre pulito, preciso, raramente toppa una partita. Se ne parla poco, ma se l’Empoli ha un gioco tanto gradevole il merito va attributo soprattutto al regista. Non è Pirlo, ma per una squadra di provincia è un lusso.

ALLAN- Prossimo oggetto d’asta nella sessione estiva di calciomercato. Regge da solo, e sottolineo da solo, il centrocampo dell’Udinese, come se nulla fosse. Corre per tre, per quattro, e con la palla al piede mostra di non essere affatto in imbarazzo. Un signor centrocampista!

PEROTTI- Senza di lui il Genoa non ha mai vinto, con lui è uscito con i tre punti il 50% delle volte. Incontenibile, immarcabile, lucido e glaciale dal dischetto. Un pezzo pregiato sul quale diverse squadre hanno già messo gli occhi.

GABBIADINI- Decisamente sottovalutato, si sta dimostrando un top assoluto a Napoli. Non incanta con giochi di prestigio o dribbling di fino, ma fa la cosa giusta sempre e comunque, e sotto porta è un killer implacabile.

ICARDI- Una doppietta per riappacificarsi con i tifosi, sperando che la sua indole non lo porti allo scontro nuovamente. E’ un bomber di razza, magari gioca poco per la squadra, ma in area di rigore è tra i migliori al mondo.

Matteo Masum

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *