Simone Viscardi
No Comments

Pagelle Inter-Palermo 3-0: Guarin ruggisce, rosanero amMudoliti

Il Giaguaro segna e consegna due assist a Icardi, letale nel chiudere il match. Palermo spento: Vazquez irriconoscibile e Dybala sbaglia un gol clamoroso

Pagelle Inter-Palermo 3-0: Guarin ruggisce, rosanero amMudoliti
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Dopo 3 Ko consecutivi l’Inter torna a vincere, e finalmente anche a convincere. Ottima la prestazione degli uomini di Mancini, concentrati e ben equilibrati in campo, contro un Palermo lontano parente della splendida squadra ammirata in questa stagione. I ragazzi di mister Iachini soffrono la fisicità dei nerazzurri, e faticano a imporre il loro gioco veloce e frizzante. Stecca soprattutto Vazquez, ma anche Dybala ha il suo bel carico di colpe, visto il gol del possibile pareggio divorato ad inizio ripresa. I padroni di casa sono trascinati dai due “ribelli” di Reggio Emilia: Guarin sblocca e ispira, Icardi sentenzia la vittoria. Ecco i voti dei protagonisti:

INTER

HANDANOVIC voto 6 – Poco impegnato, si supera in uscita su Dybala, ma rischia il pasticcio qualche secondo dopo venendo graziato dal palo e dall’imprecisione del folletto argentino – DEO GRATIAS

SANTON voto 6 – Nulla di trascendentale, ma fa capire la differenza che c’è tra un terzino di ruolo e uno improvvisato. Attento e bravo in copertura, ancora un po’ timido nelle discese, ma da quella parte doveva coprire l’anarchico Guarin – PRETORIANO

RANOCCHIA voto 6 – Di testa sono tutte sue, ma contro Dybala ci mancherebbe che non fosse così. Concentrato anche quando la palla è radente al suolo, ma ne combina comunque una delle sue, ostacolando Handanovic su un tiro che solo la buona sorte evita di trasformare in rete – PAPEROGA

JUAN JESUS voto 6,5 – Torna dopo la maxi squalifica, e la voglia di giocare è evidente. Fisicamente sta benissimo, con un paio di recuperi in velocità che sono li a dimostralo – POMPATO

NAGATOMO voto 6 – La sua stagione è un continuo calvario. Inizia bene, si propone e riesce a rendersi pericoloso, ma i muscoli lo tradiscono nuovamente – IELLA (dal 36′ DODO’ voto 5,5 – Sembra sempre sul punto di sbagliare qualcosa. Recupera bene? La passa agli altri; Si propone con puntualità? Puoi star certo che mancherà lo stop – NUVOLE)

MEDEL voto 6,5 – Partita di grande senso tattico. Sempre al posto giusto nel momento giusto, a tamponare le falle di centrocampo o a supportare la manovra. I piedi non cambieranno mai, ma così si che è utile – FRANGIFLUTTI

BROZOVIC voto 7 – Semplicemente ovunque. Lotta su ogni sfera di cuoio che gli capita a tiro, spesso con successo. Qualche giro a vuoto ad inizio ripresa, ma scaccia i fantasmi di una preparazione ancora non completa riprendendosi alla grande – MANNA

GUARIN voto 7 – Piano piano il Giaguaro si sta prendendo le sue rivincite. Il Mancio lo ha difeso e schierato sempre, anche dopo prove imbarazzanti, e stasera può dire di aver ragione. Sblocca il match, vince contrasti e ribalta azioni, piazza l’assist che chiude i conti – SOLIDO

SHAQIRI voto 6,5 – Raramente sbaglia la giocata, quasi mai si limita al compitino. L’Inter aveva bisogno di un giocatore che si prendesse responsabilità nei momenti complicati, e lo svizzero di carattere ne ha a pacchi – LEADER (dall’84’ KOVACIC S.V.)

PALACIO voto 6 – Vive sul filo del fuorigioco, offrendo spunti interessanti in profondità ai compagni. Anche se non segna più come una volta, è sempre prezioso per gli equilibri della squadra – FRECCIA (dall’82’ CAMPAGNARO S.V.)

ICARDI voto 7 – Se la reazione è questa, che litighi pure ogni domenica coi tifosi. Fa le prove generali prendendo un palo clamoroso di testa dal limite dell’area, poi mette in scena tutto il repertorio: prima il destro secco che spiazza Sorrentino, poi l’incornata prepotente – SENTENZA

All. MANCINI voto 7 – Archiviato il 4-2-3-1 che ha fatto più danni della grandine, ecco tornare il caro, vecchio rombo. Squadra più equilibrata e tranquilla in campo, e i risultati si vedono. Grazie a Dybala, ovviamente, ma oggi bisogna dare al Mancio ciò che è del Mancio – REDIVIVO

PALERMO

SORRENTINO voto 5,5 – Sventa la prima minaccia firmata JJ, poi è costretto ad osservare i suoi centrali essere sovrastati dagli arieti nerazzurri. Può poco sulle reti, ma pochissimo è quello che prova a fare anche quando è salvato dal legno – IMMOBILE

TERZI voto 5 – Fatica a tenere la linea con i compagni di reparto, e anche in marcatura si rende protagonista di parecchie amnesie – SMEMORATO

GONZALEZ voto 5 – Quando Icardi sale di giri, semplicemente non lo vede più. Prende un giallo pesantissimo, che gli farà saltare la partita col Napoli – DIFFIDATO

DAPRELA’ voto 5,5 – Da quel lato Guarin sfonda ripetutamente, e anche Shaqiri prova a farne territorio di caccia. Lui chiude come può, a volte alzando un po’ troppo il braccio – MANESCO

MORGANELLA voto 5 – Bene quando prova a fare male con qualche discesa arrembante, pessimo in fase di chiusura, dove viene sistematicamente preso in mezzo da Brozovic e compagni – MANICHINO (dal 74′ RISPOLI S.V.)

Dybala, attaccante del Palermo.

Dybala, attaccante del Palermo.

RIGONI voto 5,5 – Uno dei pochi a salvarsi, ma ha sulla coscienza la prima, ghiotta occasione sprecata nel primo tempo. In ogni caso dimostra ancora di essere letale con gli inserimenti – IMPRECISO

JAJALO voto 5 – Dovrebbe garantire equilibrio ai suoi, ma a differenza di Medel fatica a capire dove piazzarsi per presidiare la mediana. Shaqiri e Guarin ringraziano, e fanno male – SCHIACCIATO (dal 66′ BELOTTI voto 6 – Ci mette il fisico, prova ad alzare la cresta ma i suoi compagni hanno già smesso di crederci – PREDICATORE)

BARRETO voto 5,5 – Qualche sprazzo di normalità, rari momenti di intensità nel mare di una prestazione mediocre. Appoggia un pallone difficile a Dybala in piena area, senza prendersi la responsabilità del tiro – PAVIDO

LAZAAR voto 4,5 – All’andata aveva fatto scempio della fascia interista, stasera è un pulcino bagnato e impaurito. Una sola discesa buona, e per il resto solo tanta corsa a rincorrere vanamente gli avversari – SERATA NO (dal 77′ EMERSON S.V.)

VAZQUEZ voto 5 – Nella giornata in cui Verde dimostra che la gioventù italiana non è niente male, el Mudo – autoproposto come oriundo – stecca in pieno davanti agli occhi di Conte. Nulla da dire sul valore assoluto del ragazzo, ma se si chiama Nazionale italiana un motivo ci sarà – ARGENTINO

DYBALA voto 5 – Complessivamente è il migliore dei suoi, proponendosi bene in profondità e venendo spesso a prendere palla a metà campo. Ma quell’errore, quell’errore… Sbaglia un gol a mezzo metro dalla porta vuota, spedendo in curva le speranze rosanero – SCIAGURATO

All. IACHINI voto 5 – Non è serata mister. Si sgola con tutti, offre momenti di ilarità generale, ma non riesce a raddrizzare una partita nata male e finita peggio. A volte capita, del resto è solo un piccolo incidente in una cavalcata da favola – SUCCEDE

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *