Jacopo Bertone
No Comments

Allegri: “Le contestazioni? il tempo aggiusta tutto”, ma occhio alla Champions…

Il tecnico della Juve ritiene superati i mugugni dei tifosi, ma l'incrocio di Champions League con il Borussia potrebbe cambiare le carte in tavola

Allegri: “Le contestazioni? il tempo aggiusta tutto”, ma occhio alla Champions…
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La forza di Massimiliano Allegri è la fiducia in sé stesso: grazie ad essa si è distinto in campo, ha imparato (bene) ad allenare, ha gestito la pressione sulla panchina milanista ed è diventato tecnico della Juventus; tuttavia è dai tempi dell’antica Grecia che la tracotanza viene indicata come il peccato più grave e forse è proprio da quest’ultima che potrebbe nascere qualche problema all’ombra della Mole.

Antonio Conte, ex allenatore della Juventus

Antonio Conte, la sua Juve uscì alla fase a gironi nella scorsa edizione della Champions

PROFILO BASSO – Dopo essere stato accolto da fischi ed insulti al suo arrivo a Torino, l’ex allenatore del Cagliari ha saputo ricucire il distacco con il pubblico grazie soprattutto ai risultati, ma anche con qualche dichiarazione pepata, di quelle che scaldano il cuore di un tifoso, ecco però che all’orizzonte incombe l’esame di sbarramento per il livornese, il Borussia Dortmund: l’avventura in Europa è fondamentale per il popolo bianconero, ormai sazio di successi all’interno dei confini nazionali e, invece, da troppo tempo a secco di vittorie in Champions League, quelle che veramente scrivono il nome di una squadra sui libri di storia.

Dati per scontati scongiuri, ravanate e cornetti, c’è da chiedersi se Allegri non abbia archiviato troppo presto il problema ambientale, si perchè l’eventuale uscita di scena agli ottavi sarebbe un boccone amarissimo da buttare giù, si ritornerebbe a fare i paragoni con Conte e a mettere in dubbio il lavoro dei giocatori, della dirigenza e, of course, dell’allenatore. Come uscirne? fracassando i gialloneri dell’ex Immobile, solo così si potrà veramente dire che Max è diventato un uomo Juve, fino ad allora profilo basso, quasi rasoterra, nella speranza che qualche “zolla” inarchi la traiettoria di questa Juve e la porti a traguardi finora solamente sognati.

Jacopo Bertone
@JackSpartan92

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *