Edoardo Baracco
No Comments

Cuadrado-Salah, per un campione che parte ce n’è uno che viene

Presentato ieri il sostituto di Cuadrado. Duttile, veloce e con tanta voglia di vincere. L'avventura in viola di Salah sembra esser partita col piede giusto

Cuadrado-Salah, per un campione che parte ce n’è uno che viene
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Si è presentato ieri in sala stampa il nuovo acquisto della Fiorentina Mohamed Salah. Carico, sereno e pronto a intraprendere questa nuova avventura in maglia viola che, stando alle sue parole, non sembra essere solo una parentesi. La sua volontà infatti sarebbe quella di vincere e rimanere il più possibile in riva d’Arno, rifiutando quindi, almeno in partenza, un’eventuale ritorno al Chelsea di Mourinho. L’egiziano è stato preso per colmare chi invece ha fatto il percorso inverso, ovvero Juan Cuadrado.

IL CONFRONTO – In quanto a caratteristiche i due giocatori non sono esattamente uguali: il colombiano rispetto a Salah è capace di svolgere meglio la fase difensiva, e di conseguenza poteva rappresentare una valida alternativa a Joaquin nel 3-5-2 di Montella. L’ex Basilea è meno improntato al sacrificio difensivo rispetto a Cuadrado; infatti, come sostituto sulla fascia destra è stato preso Rosi, ma il tecnico campano non ha escluso una sua presenza, nel caso ce ne fosse bisogno, in quella zona di campo. Stamani in conferenza stampa, il discorso del ruolo in campo di Salah, è stato oggetto di discussone. Montella inizialmente ha sottolineato come il giocatore, nonostante i pochissimi allenamenti svolti, si stia integrando alla grande nello spogliatoio viola. Sembrerebbe essere più una seconda punta che un esterno di centrocampo, ma secondo il tecnico campano il giocatore potrebbe, in caso di necessità, giocare sia come esterno di destra che di sinistra. Un attaccante duttile insomma, come Cuadrado, capace di ricoprire più ruoli nello scacchiere tattico di Montella. L’egiziano sarà molto utile anche in Europa League, dove potrebbe essere schierato come esterno destro, o sinistro, in un eventuale attacco a tre punte. Il profilo insomma è quello del gran giocatore, un rimpiazzo di categoria ad un campione assoluto come Juan Cuadrado. Sicuramente ci metterà un pò ad ambientarsi nel nostro campionato, ma, stando ad una prima impressione, sembra già esser partito con il piede giusto.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *