Sanda Urda
No Comments

MotoGP, test Sepang: day 2 di Lorenzo, Rossi 6°

Terzo tempo per Marquez, bene anche Iannone quinto

MotoGP, test Sepang: day 2 di Lorenzo, Rossi 6°
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Concluso il Day 2 dei test di MotoGP a Sepang, con Jorge Lorenzo che infrange il muro dei 2″, fermando il cronometro in 1:59.963. Alle sue spalle si piazza un magnifico Andrea Dovizioso a soli 0.052 con la sua sorprendente Ducati GP14.3.
Dietro al forlivese, a 0.131 dalla vetta c’è Marquez. Il campione del mondo in carica ha scelto per il Day 2 un mix tra la Honda 2014 e 2015, la stessa con cui ieri aveva chiuso primo in classifica. Dietro a Marc troviamo Pedrosa staccato dalla Yamaha di 0.348 secondi.

Migliora rispetto al Day 1 anche Andrea Iannone in sella alla seconda Ducati ufficiale. Il pilota abruzzese è quinto con 2:00.676 (ieri aveva registrato: 2:01.424) e a quanto pare è in sintonia con la moto e il nuovo team. Iannone precede Valentino Rossi che invece non migliora il suo tempo di ieri. Il nove volte campione del mondo segna 2:00.676, mentre ieri aveva girato in 2:00.380.

Chiudono la top ten la Yamaha del team Tech 3 di Pol Espargarò, la Honda del team LCR di Cal Crutchlow, l’ottima Suzuki di Aleix Espargarò e la Yamaha Open del Forward Racing di Stefan Bradl. Fatica l’Aprilia, che si piazza al quindicesimo posto con Alvaro Bautista a due secondi e 192 millesimi da Lorenzo. Melandri, che ancora non riesce a prendere confidenza con la moto, arriva ultimo con un distacco di più di quattro secondi.

Gli altri piloti italiani, come Danilo Petrucci in sella alla Ducati Pramac, chiude 17°, Pirro, tester Pramac 20°, e Alex de Angelis in sella alla ART dello Iodaracing 23°. Valentino ha accusato problemi di chattering all’entrata in curva e non è riuscito a trovare quel miglioramento che si aspettava. Le cause possono essere tante. Il telaio diverso da quello di Lorenzo e la prova di tanti nuovi materiali hanno impedito al pesarese di guidare al 100% la sua M1. Domani Rossi cercherà il giro secco al mattinom, per poi chiudere con un long run.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *