Connect with us

Focus

Galliani, il migliore sei sempre tu

Pubblicato

|

Galliani,il riscatto di Destro è una delle basi per costruire il Milan del futuro

E’ finito il mercato. Ieri alle ore 23 è suonato il gong finale. E dopo acquisti, cessioni, trattative chiuse o fallite sul filo di lana è il tempo delle pagelle. Chi è stato il miglior dirigente? Anche questa volta non ci sono dubbi: i colpi Cerci, Destro, Paletta ed Antonelli hanno dimostrato che il numero uno è sempre Adriano Galliani.

Mattia Destro è stato sicuramente il grande colpo di Galliani in questa sessione di calciomercato.

Mattia Destro è stato sicuramente il grande colpo di Galliani in questa sessione di calciomercato

LA CITOFONATA A DESTRO – Il tempo passa ma l’ad rossonero non sbaglia un colpo. Ora sta al campo e a Filippo Inzaghi sfruttare il suo lavoro. Un Milan in difficoltà che con il Parma ha dato comunque dei segnali di vita. Ma il rianimatore sta fuori dal campo e lavora con telefoni e con le parole, sempre convincenti e persuadenti. Ma questo mercato ha lavorato anche con i citofoni. E si perché l’immagine di Galliani che citofona a casa Destro è sicuramente l’emblema di molte cose ma soprattutto di un dirigente che cerca di togliere dalle sabbie mobili la sua squadra mettendoci la faccia e esponendosi in prima persona. Ci sono stati fotomontaggi, ironie ma quella foto è l’emblema di una società che non è più quella di qualche anno fa ma che ha comunque la sua punta di diamante proprio in chi fa il suo lavoro sino all’ultimo perché è convinto delle sue idee e delle sue intuizioni. E che dire del colpo Cerci che tutti ormai davano come giocatore dell’Inter. Ma ecco il coniglio dal cilindro: il ritorno all’Atletico Madrid del figliol prodigo Torres e l’ex Torino diventa rossonero. Paletta, Bocchetti ed Antonelli per sistemare una difesa che dà poca sicurezza. E se fosse riuscito anche il colpo Khedira la standing ovation sarebbe stata il minimo.Certo a ricordare i viaggi a Barcellona per soffiare un certo Ibrahimovic questi colpi fanno un po’ sorridere. Ma la storia di questo sessione di calciomercato ha dimostrato che il numero uno risponde sempre al nome e al cognome di Adriano Galliani. Gli altri si mettano in fila e osservino perché da uno così c’è solo da imparare.

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending