Gianpiero Farina
No Comments

Galliani, il migliore sei sempre tu

L'ad rossonero si conferma il numero uno anche in questo mercato di riparazione

Galliani, il migliore sei sempre tu
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

E’ finito il mercato. Ieri alle ore 23 è suonato il gong finale. E dopo acquisti, cessioni, trattative chiuse o fallite sul filo di lana è il tempo delle pagelle. Chi è stato il miglior dirigente? Anche questa volta non ci sono dubbi: i colpi Cerci, Destro, Paletta ed Antonelli hanno dimostrato che il numero uno è sempre Adriano Galliani.

Mattia Destro è stato sicuramente il grande colpo di Galliani in questa sessione di calciomercato.

Mattia Destro è stato sicuramente il grande colpo di Galliani in questa sessione di calciomercato

LA CITOFONATA A DESTRO – Il tempo passa ma l’ad rossonero non sbaglia un colpo. Ora sta al campo e a Filippo Inzaghi sfruttare il suo lavoro. Un Milan in difficoltà che con il Parma ha dato comunque dei segnali di vita. Ma il rianimatore sta fuori dal campo e lavora con telefoni e con le parole, sempre convincenti e persuadenti. Ma questo mercato ha lavorato anche con i citofoni. E si perché l’immagine di Galliani che citofona a casa Destro è sicuramente l’emblema di molte cose ma soprattutto di un dirigente che cerca di togliere dalle sabbie mobili la sua squadra mettendoci la faccia e esponendosi in prima persona. Ci sono stati fotomontaggi, ironie ma quella foto è l’emblema di una società che non è più quella di qualche anno fa ma che ha comunque la sua punta di diamante proprio in chi fa il suo lavoro sino all’ultimo perché è convinto delle sue idee e delle sue intuizioni. E che dire del colpo Cerci che tutti ormai davano come giocatore dell’Inter. Ma ecco il coniglio dal cilindro: il ritorno all’Atletico Madrid del figliol prodigo Torres e l’ex Torino diventa rossonero. Paletta, Bocchetti ed Antonelli per sistemare una difesa che dà poca sicurezza. E se fosse riuscito anche il colpo Khedira la standing ovation sarebbe stata il minimo.Certo a ricordare i viaggi a Barcellona per soffiare un certo Ibrahimovic questi colpi fanno un po’ sorridere. Ma la storia di questo sessione di calciomercato ha dimostrato che il numero uno risponde sempre al nome e al cognome di Adriano Galliani. Gli altri si mettano in fila e osservino perché da uno così c’è solo da imparare.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *