Simone Viscardi
No Comments

Nba, risultati della notte: NY vince la sfida dei poveri, ok Miami

Vittorie per Heat e Knicks contro le nobili decadute Celtics e Lakers. Anche l'Nba si ferma per il SuperBowl

Nba, risultati della notte: NY vince la sfida dei poveri, ok Miami
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Notte di SuperBowl in America, e anche l’Nba si ferma per vedere il più grande spettacolo dello sport a stelle e strisce. Solo due le partite in programma nella serata di Basket, e non delle più indimenticabili. I Lakers e i Knicks si sfidano nella partita delle nobili decadute, e a spuntarla sono i newyorkesi. Bene Miami, che fa sua la partita con l’altra ex big Boston.

Eric Spoelstra, 2 volte campione Nba con i Miami Heat

Eric Spoelstra, 2 volte campione Nba con i Miami Heat

Boston Celtics – Miami Heat 75-83

Anche senza Wade e Deng Miami riesce a superare di slancio i Boston Celtics. A fare la voce grossa è il sempre più sorprendente Whiteside, mentre la prestazione dei Celtics è grigia come la divisa indossata. Bosh e Granger mettono la freccia e fanno scappare la franchigia della Florida, mentre il solo Thornton prova a tenere i suoi in linea di galleggiamento. Nella ripresa Bradley avvicina gli ospiti, ma Bosh a fasi alterne e Cole riportano alla giusta distanza gli Heat.

Boston: Zeller, Bradley 17, Bass 15. Rimbalzi: Zeller, Bass 6. Assist: Smart 9.
Miami: Whiteside 20, Bosh 18. Rimbalzi: Whiteside, Johnson 9. Assist: Cole, Johnson 4.
New York Knicks – Los Angeles Lakers 92-80
Al Madison Square Garden va di scena la partita tra le due più grandi deluse della stagione. A fare la differenza è la presenza di almeno una delle due stelle di Knicks e Lakers. Carmelo Anthony regala un sorriso ai suoi con 31 punti e una partita finalmente da SuperStar. Certo, contro dei Lakers falcidiati dalle assenze l’impresa è tutt’altro che impossibile, ma per i Knicks di questa stagione ogni collina è sembrata un Everest da scalare. Ghigno probabilmente anche per gli ex Fisher e Phil Jackson, monumenti della Los Angeles gialloviola che fu, e che ora è ridotta a un cumulo di macerie. Forse è un bene che Kobe si sia fatto male e non debba assistere a tale scempio, e con il caos societario la situazione difficilmente migliorerà in fretta.
New York: Anthony 31. Rimbalzi: Amundson 13. Assist: Smith, Calderon 4.
Los Angeles Lakers: Clarkson, Boozer 19. Rimbalzi: Boozer 10. Assist: Lin 7.
Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *